Quantcast

Alessandro Garofalo (LpRa): Pedoni dimenticati: marciapiedi disastrati e lavori stradali infiniti

Più informazioni su

“In tutta la città di Ravenna da diversi mesi sono stati installati numerosi cartelli provvisori di avvertimento e di pericolo per la presenza di deformazioni del manto stradale e dei marciapiedi. I cartelli di avvertimento e di pericolo, sorti come funghi in molte strade ravennati, rimangono installati da mesi, se non anni, creando notevole disagio e pericolo ai pedoni, impedendogli l’utilizzo del marciapiede e costringendoli a scendere nelle carreggiate stradali percorse dalle auto” scrive nel comunicato il Consigliere territoriale di Lista per Ravenna Alessandro Garofalo.

 

“In molti casi – scrive Alessandro Garofalo – è impossibile utilizzare il marciapiede e gli anziani, i bambini sono costretti a camminare nella strada. Nel solo Borgo San Biagio, vicino alla Scuola elementare Camerani, nelle vie Fabbri e Lovatelli, sono presenti ben quattro cantieri che impediscono ai pedoni di utilizzare i marciapiedi mentre, sempre a titolo di esempio, vicino alla Casa di cura San Francesco, in via Atalarico, è presente un cantiere sul marciapiede da oltre un anno. Ma la stessa situazione è riscontrabile in altre parti della città”.

 

“La segnalazione con cartelli delle buche dei marciapiedi e delle strade sarà forse merito della recente Legge 41 (23 marzo 2016) che ha introdotto il reato di omicidio stradale e quello di lesioni personali stradali che individua, tra l’altro, la responsabilità dei gestori delle strade per la manutenzione, la gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, per il controllo tecnico della efficienza delle strade e per la apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta. La legge 41 prevede guai giudiziari molto seri sino all’arresto, per tutti i soggetti investiti dall’obbligo di curare al meglio le strade che dovranno intensificare i loro interventi per evitare di incappare nell’accusa di omicidio colposo o di lesioni personali stradali in caso di incidenti gravi avvenuti per i difetti evidenti delle strade o resi più gravi dalle carenze delle strade stesse”.

 

“Eletto il nuovo Sindaco, si spera che tanta energia per Ravenna, lo slogan elettorale di De Pascale, sia impegnata a riparare, oltre che solo segnalare con cartelli, i marciapiedi e sia dedicata a migliorare la sicurezza dei nostri anziani e dei nostri bambini” conclude il Consigliere territoriale di Lista.

Più informazioni su