Trasporto sangue e gare al massimo ribasso: Samantha Gardin (LN): “Scelta ambigua”

La capogruppo della Lega Nord teme ci possano essere ritardi ed errori a carico dei cittadini, come nel caso analogo del bando sulla gestione degli ausili per l'incontinenza

Più informazioni su

“Il bando effettuato con il meccanismo del “forte” ribasso, sul servizio di trasporto di materiale sanitario, sembra la fotocopia di quello precedente sulla gestione degli ausili per l’incontinenza. Il timore è che un nuovo disservizio si riversi sui cittadini, costretti a ripetere analisi del sangue e vedere grandi ritardi nella consegna delle provette. Il sindaco, in qualità di membro della Conferenza provinciale sociosanitaria, chiarisca”. Lo chiede il capogruppo ravennate della Lega Nord, Samantha Gardin, evidenziando tutti i punti “poco chiari” dell’appalto:

«La Società cooperativa Pulizie Ravenna ha vinto un recente bando – spiega Gardin – con un ribasso del 36% sul prezzo. Per la precisione  l’appalto fissava la base d’asta a un milione e 120mila euro, per un anno (rinnovabile per altri 6 mesi); per un prezzo complessivo di 2 milioni e 160mila euro. Mentre, la cooperativa che si è aggiudicata la commessa ha presentato un’offerta di poco superiore a 771mila euro per un solo anno».

Da qui, sorgono i dubbi della Lega Nord. Anche perché il bando prevede, secondo quando sottolineato da Gardin, “un aumento del 30% sul valore dell’offerta del vincitore ed anche che vengano tutelati (e riassorbiti) nell’organico del soggetto vincitore anche i lavoratori del precedente servizio”.

“L’Ausl di Ravenna – continua la consigliera –  è già oggetto di critiche per l’aggiudicazione dell’appalto sulla fornitura dei ausili per l’incontinenza, aggiudicato da un bando con un forte ribasso, che ha prodotto ritardi pesanti sulle forniture ai cittadini, oltre al disagio arrecato per materiale e taglie non idonee ai pazienti. Ora, il rischio è che il tutto si ripeta, con ritardi nella consegna delle provette e il rischio per il cittadino di ripetere esami come quello del sangue.»

Per questi motivi, Samantha Gardin ha indirizzato al sindaco De Pascale un’interrogazione, in quanto «membro della Conferenza sociosanitaria. Per chiedere – precisa il capogruppo Ln – che finisca la logica degli appalti al massimo ribasso, per servizi fondamentali per il cittadino. In questo caso, chi risponderà di eventuali disservizi?» Infine, il Carroccio chiede che siano tutelati «i lavoratori che dovranno essere riassorbiti assicurando il rispetto del loro corretto inquadramento, secondi i livelli conseguiti in anni di servizio».

Più informazioni su