Quantcast

Rilancio dell’economia e sostegno alle imprese, domani un convegno de La Pigna

La lista civica ravennate annuncia il lancio di una raccolta firme per indire un referendum che consenta la vendita delle società a partecipazione comunale. Il ricavato dovrebbe servire per progetti di sostegno alle imprese e per la sicurezza e welfare

Più informazioni su

Giovedi 2 marzo alle 17.30 al palazzo Galletti Abbiosi (via di Roma, 140) a Ravenna la lista civica La Pigna di Ravenna in collaborazione con il Movimento politico nazionale Energie per l’Italia organizza la convention “Megawatt Ravenna energie per l’italia”.

“Si tratta di un momento di riflessione e di confronto sulle gravi problematiche che affliggono Ravenna e l’Italia, con particolare riferimento alla crisi economica e sociale, alla sicurezza, al tema delle crescenti povertà, al rilancio dell’economia e del lavoro”, dichiara Veronica Verlicchi, coordinatrice  della Lista Civica La Pigna.

Durante la convention, verranno approfonditi i temi della riduzione del debito pubblico e della tassazione, del rilancio dell’economia e del sostegno alle imprese,  della sicurezza dei cittadini e del futuro per le nuove generazioni.

La convention sarà incentrata sull’intervento del Dott. Stefano Parisi, imprenditore,  già direttore generale di Confindustria e del Comune di Milano, profondo conoscitore dei problemi delle imprese e della pubblica amministrazione  che informerà i presenti sul programma e gli obiettivi del Movimento Politico Energie per l’Italia  

“Anche a Ravenna occorre da subito agire per arginare la crisi economica e sociale – conclude Veronica Verlicchi – e garantire le basi di un rilancio economico del territorio e del lavoro e quindi del benessere dei cittadini: per questo verrà annunciata una raccolta firme per la presentazione di un referendum per la vendita delle società a partecipazione comunale e per destinare il ricavato, pari ad almeno 240 milioni di euro, a progetti di sostegno alle imprese, alla sicurezza dei cittadini e del territorio, ai servizi sociali e alla formazione, alla promozione turistica e per la riduzione delle imposte e del costo dei servizi comunali”.

Più informazioni su