Ancisi (LpRa): “Vestire i morti a 200 euro. Una spesa che non si può imporre alle famiglie”

Azimut Ravenna, società la cui proprietà è comunale al 60% e cooperativa privata al 40%, gestisce per conto del Comune i servizi cimiteriali, compresa la camera mortuaria, il verde pubblico, i parcheggi, le disinfestazioni, le toilette e il ponte mobile. “Il suo bilancio 2018 – commenta Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna – ha registrato ricavi per 11,708 milioni euro, da cui ha guadagnato 1 milione e 87 mila euro. La metà circa dei ricavi proviene dai servizi cimiteriali, 533.886 mila euro dalla gestione della camera mortuaria o obitorio.”

“Lista per Ravenna – aggiunge – è da sempre contraria che i servizi del Comune siano affidati a società pubblico/private in regime di monopolio, con tariffe impostate sui facili profitti, che, nel caso dei servizi cimiteriali, gravano sulla cittadinanza come una sopratassa sulla morte. La camera mortuaria svolge i cosiddetti “servizi obitoriali” con le seguenti tariffe, esosamente dettate dal Comune: I) presa in consegna della salma, verifica della documentazione, registrazione, ecc.: € 79,23 (festivi e notturni € 94,94); II) refrigerazione delle salme, sia con coperchio refrigerante sia con cella frigorifera, per ogni giorno di calendario o frazione: € 56,22; III) preparazione e vestizione della salma: € 193,57. Quest’ultimo servizio è però indebito, perché, a norma del Regolamento nazionale di Polizia mortuaria (art. 13), gli obitori comunali svolgono esclusivamente funzioni di deposito delle salme” spiega Ancisi.

“Per preparazione della salma si intendono le operazioni di igiene (tappare con cotone gli orifizi e posizionare un pannolone) e di detersione/lavaggio (da residui di tracce biologiche o altra sostanza), che spettano – come del resto avviene ovunque nelle altre città – a personale sanitario ospedaliero, essendo perciò gratuite. Ma è il regolamento di polizia mortuaria del Comune di Ravenna stesso (art.5) ad escludere – prosegue il capogruppo – che tocchino a personale (che non è sanitario) dell’obitorio comunale. La vestizione è invece un fatto privato familiare, su cui il Comune non può assolutamente imporre un proprio servizio a pagamento. Peraltro, chi – escluse ragioni sanitarie – possa mettere le mani sul corpo di un proprio familiare deceduto è scelta che, investendo sensibilità umane, non necessariamente religiose, appartiene tutta alla famiglia. Lo sa bene il Comune di Ravenna, perché consente gratuitamente ai musulmani che la vestizione di un proprio caro estinto sia effettuata direttamente dalla sua famiglia, obbligando però chiunque altro ad usufruire del servizio pubblico a pagamento.”

“Ne discende che la famiglia deve anche poter scegliere di rivolgersi al settore privato, nel caso quello delle pompe funebri, del quale Azimut non può nemmeno far parte, perché in Europa le funzioni cimiteriali, essendo pubbliche, devono essere rigorosamente distinte dalle onoranze funebri, svolte in regime privato d’impresa. Tanto è vero che il Comune di Ravenna, volendo fare anche l’impresario dei morti (“dalla culla alla bara”), non si è fatto mancare, con tanto di poltrone politiche, neanche una mini-società di pompe funebri, che si chiama ASER” dichiara.

“Una brutta storia. Tanto che, essendosi occupata della materia l’Autorità Nazionale Anti-Corruzione (determina n. 12 del 18 ottobre 2015), la Regione ha emesso, il 13 marzo 2018, in applicazione alla propria legge n. 19 del 2004, una direttiva secondo cui – continua Ancisi -,mentre al personale sanitario toccano le funzioni di competenza, “il compito della vestizione del deceduto e del confezionamento del feretro spetta all’impresa di onoranze funebri, preventivamente incaricata dagli eventi causa”: fermo restando, ovviamente, che la famiglia non intenda provvedere direttamente alla vestizione.”

“Ravenna, diversamente da ovunque, continua però imperterrita a non correggersi. Del caso potrebbe essere investita anche l’Autorità Nazionale per la Concorrenza, e quindi l’Unione Europea. Non essendo dunque questione da lasciare alla risposta politica di amministratori pressappochisti, la sottopongo in prima battuta al direttore generale del Comune di Ravenna, responsabile comunale anche della Trasparenza e Anticorruzione. Ritengo infatti che, trattandosi di competenze gestionali, debba essere la struttura tecnica dell’Amministrazione a porre in essere immediate disposizioni di servizio correttive delle suddette distorsioni; ma anche che occorre metter mano al vecchio e superato regolamento comunale di polizia mortuaria, affinché sia pienamente rispettoso della legge” conclude Alvaro Ancisi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maria teresa

    Ha fatto bene dott. Ancisi a far sapere a tutti noi queste “vergogne”…

  2. Scritto da jack

    con questo Ancisi ha toccato il fondo…..

  3. Scritto da pietro

    Se ne impara una nuova ogni giorno. Al di là dei costi, quello che sorprende una volta ancora è che le regole si fanno e si disfano a piacimento e che soprattutto sono sempre più permissive ed elastiche per “gli altri”, quelli che invece di integrarsi fanno in modo da costringerci ad adattarci alla loro presenza che diventa sempre più ingombrante.