Minichini (LpRa) all’AP: “mancano bidoni raccolta-rifiuti sulle dighe foranee del porto di Ravenna”

Pasquale Minichini (capogruppo di Lista per Ravenna nell’Area del Mare) scrive all’ Autorità di Sistema Portuale di via Antico Squero per evidenziare l’assenza di contenitori porta rifiuti lungo le dighe foranee di Porto Corsini e di Marina di Ravenna.

“Cittadini che frequentano le dighe foranee di Porto Corsini e di Marina di Ravenna, le più lunghe d’Europa (rispettivamente km 2,250 e km 2,450), perciò meta di molti turisti e di pescatori, ci segnalano come sui loro percorsi siano venuti a mancare i bidoni di raccolta dei rifiuti, questi in gran parte di plastica, quali bottigliette, scatolette per le esche dei pescatori, contenitori vari, ecc.” scrive Minichini.

“Il problema è meno sentito sulla diga di Porto Corsini, dove i pesca/sportivi, essendosi auto organizzati, provvedono in proprio alla raccolta dei rifiuti, conferendoli poi nell’Isola ecologica di Hera posta sulla spiaggia ai piedi della diga; mentre è però sofferto su quella di Marina di Ravenna, dove pochi raccolgono i loro rifiuti con delle sportine, scaricandoli poi correttamente, mentre i più li lasciano sul posto in sportine volanti o, se fermate in qualche modo, non resistenti a venti o burrasche, finendo dunque con l’inquinare lo specchio acqueo interno al porto turistico o il mare aperto” prosegue capogruppo di Lista per Ravenna nell’Area del Mare.

Minichini riporta parte della lettera che un gruppo di cittadini gli ha inviato: “Sono stati tolti i tre contenitori rifiuti dislocati lungo la diga. Di conseguenza, è cessato il servizio di raccolta, che veniva svolto in estate tutti i giorni e in mezza stagione almeno una o due volta la settimana. Così lungo la diga, e in particolare nella testata, si depositano cumuli di immondizie e sacchetti pieni di bottiglie e di altra plastica. Per quanto possiamo, li raccogliamo noi, portandoli poi nei cassonetti. Ma questo è poco. Non è difficile capire dove questi rifiuti vadano a finire al primo mare mosso”.

“Vero è che nella diga lunga di Porto Corsini i bidoni porta-rifiuti ci sono stati fino a che, in questa stessa estate, è stata riasfaltata, mentre si ha notizia che gli stessi lavori verrebbero fatti pure su quella di Marina di Ravenna a fine stagione, a partire dal 23 settembre – prosegue Minichini.

Il capogruppo di Lista per Ravenna nell’Area del Mare chiede all’ Autorità di Sistema Portuale se, in vista della conclusione anche di tali lavori, si possa programmare un’adeguata dotazione di bidoni raccolta-rifiuti sulle dighe foranee del porto di Ravenna; o quali ostacoli lo impediscano, cosicché si possa eventualmente operare, da parte dell’amministrazione comunale, coinvolgendo il Consiglio territoriale del Mare, al fine di rimuoverli.

Secondo Minichini sarebbe anche utile potenziare il numero dei cestini collocati sulle diga corta lato Porto Corsini del canale d’ingresso al porto, appena due, anche poco capienti, mentre quella parallela di Marina di Ravenna, pur più lunga, ne ha sette.

Il capogruppo conclude chiedendo che, almeno una volta la settimana, vengano organizzati dei controlli lungo i percorsi di tutte le dighe, al fine di perseguirne l’ordine e la pulizia, ma anche per fronteggiare atti di vandalismo, in grado di costituire ulteriori fattori di disdoro e di pericolo.

 

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daniele

    Basterebbe che ognuno si portasse a casa la propria immondizia