Alan Conte (Cervia ti Amo): “a Tagliata un polo per i nuovi sport olimpici e para-olimpici”

Uno degli impegni che ci eravamo presi in campagna elettorale era quello di parlare delle “periferie del mare” – dichiara Alain Conte capo gruppo Cervia Ti Amo -. Dopo l’emergenza dell’10 Luglio e la proposta del Crowdfunding europeo approvata all’unanimità, dopo il progetto del Plastic-Free che ha visto tutte le forze politiche aderire, ora noi di Cervia Ti Amo vogliamo lanciare una nuova sfida. Una sfida ambiziosa, ma che pone al centro del dibattito una area che necessita assolutamente di essere bonificata e rilanciata: il comparto colonie di Tagliata“.

“Dopo il blitz del 17 Luglio scorso, dove grazie all’intervento delle nostre forze dell’ordine sono stati individuati, arrestati e successivamente espulsi 7 irregolari che stabilmente effettuavano i loro traffici illegali proprio nelle Colonie, riteniamo che il tema non sia più rinviabile – prosegue Conte -. Non solo per una ovvia quanto mai evidente urgenza di sicurezza e degrado, ma anche e soprattutto per l’opportunità che l’area rappresenta per la nostra città e in particolare per la località di Tagliata”.

“Stiamo lavorando come lista all’interno della maggioranza e in collaborazione con l’assessorato allo sport, ad una proposta ambiziosa, tesa appunto ad un rilancio importante e deciso della zona – spiega il capo gruppo -. Cogliendo l’occasione, e volendo allo stesso tempo contribuire alla candidatura della regione Emilia-Romagna in vista delle Olimpiadi 2032, proponiamo l’avvio di un progetto per la costruzione di un polo che possa offrire la possibilità di allenamento e sviluppo dei nuovi sport olimpici e para-olimpici introdotti dal CIO, attraverso l’utilizzo dei fondi Coni e dei fondi europei messi a disposizione per lo sviluppo di strutture specifiche” .

“In questa maniera si porrebbe la località in una posizione di unicità rispetto a determinate discipline: surf,  skateboard, karate, arrampicata sportiva baseball-softball,  introdotte dal Comitato Olimpico Internazionale per portare innovazione e anche un tocco di gioventù nell’ambito delle discipline olimpiche, già a Tokio 2020″ – spiega Conte.
 
“Si tratterebbe quindi di attirare nella nostra località il sano turismo legato allo sport, e nello specifico a queste nuove discipline emergenti che vengono apprezzate in primo luogo dai giovani, installando strutture specifiche e tecniche, accanto ad un vero e proprio villaggio olimpico.  Cervia ha già dimostrato con IronMan di avere tutte le carte in regola per ospitare eventi sportivi di taglio internazionale. Noi crediamo che tali opportunità vadano sfruttate e che quel tipo di turismo: colorato, sano ed estremamente civile, sia un arricchimento estremamente importante per tutti i nostri operatori e per i nostri cittadini” conclude il capogruppo di Cervia ti Amo.