Marciapiedi malmessi a Marina Romea. LpRa chiede conto al sindaco con un’interrogazione

Più informazioni su

Il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi ha rivolto al sindaco, su proposta di Massimo Fico, vice segretario di Lista per Ravenna, un’interrogazione al sindaco sullo stato delle strade e dei marciapiedi di Marina Romea.

In particolare, l’iniziativa prende spunto da un esposto rivolto allo stesso sindaco da sette cittadini della località rivierasca ravennate, residenti in via dei Platani, parallela al principale viale Italia.

“Di tutta la malmessa viabilità di questo centro balneare – spiega Fico in una nota parlando di via dei Platani -, altrimenti prestigioso, è tuttavia una delle arterie più dissestate. Tra le tante segnalazioni che cittadini residenti trasmettono a Lista per Ravenna per chiedere che l’amministrazione comunale si faccia finalmente carico di ripristinare decorosamente la pavimentazione delle strade e dei marciapiedi più devastati, abbiamo anche ricevuto copia di un esposto, rivolto al sindaco il 30 luglio scorso e firmato da sette persone che dimorano in una parte di via Platani stessa”.

Questo il testo dell’esposto: “Con la presente, Vi segnaliamo le precarie condizioni in cui versano i marciapiedi di tante strade di Marina Romea. In particolare si chiede di sistemare e rendere percorribile il tratto di marciapiede compreso tra il civico 69 e l’83 di via dei Platani. Attualmente le condizioni sono di profondo dissesto e costituiscono un pericolo per chi osa transitarvi. Si fa notare che due firmatari della presente istanza ovvero i sig. C.L. e F.M., hanno rispettivamente la qualifica di cieco assoluto e di ipovedente”.

Dopo vari appelli di Lista per Ravenna ad intervenire sulle strade di Marina Romea, Fico incalza: “Siamo dunque a chiedere quali situazioni ne siano oggetto, raccomandando di non trascurare il caso in questione, stante il particolare disagio, anche solo per poter entrare ed uscire di casa, che subiscono i due concittadini di cui sopra gravemente manchevoli della vista”.

Più informazioni su