La Pigna attacca sulla questione sicurezza: “i record ravennati e l’immobilismo di de Pascale”

Più informazioni su

“È uscito da poco l’indice di criminalità elaborato da Il Sole 24 Ore sui dati forniti dal Ministero dell’Interno, secondo il quale la Provincia di Ravenna è al 15° posto in Italia, confermando la triste posizione conquistata nel 2018. Il dato che preoccupa ancor più del 15° posto complessivo, è il 2° posto su scala nazionale guadagnato da Ravenna per furti in abitazione; un dato che segna un forte aumento, più 21,3%, rispetto allo scorso anno. Poco importa se sono calati i furti negli esercizi commerciali, dato che sconta anche la chiusura di centinaia di negozi e di attività produttive.” Così commenta la Lista civica La Pigna i dati del Sole apparsi ieri.

“La Lista civica La Pigna da sempre si è dichiarata fortemente preoccupata per l’insicurezza della nostra città e della nostra provincia. E per cercare di scuotere la Giunta de Pascale dal proprio immobilismo – si legge nella nota – ha presentato innumerevoli proposte al Consiglio comunale di Ravenna. Proposte tutte sistematicamente bocciate dal PD Ravennate e dai suoi alleati (PRI in testa) i quali hanno sostenuto, e continuano a sostenere, che Ravenna sia una città sicura.”

“La maggioranza Pd che sostiene il Sindaco de Pascale ha detto NO alle telecamere nel forese e nei lidi, NO alle riduzioni tributarie per i privati che installano telecamere e le mettono al servizio della Polizia Locale, NO alla realizzazione di un sistema integrato di videosorveglianza pubblico – privato, NO (e per ben 2 volte) all’utilizzo della vigilanza privata a supporto della Polizia Locale per il monitoraggio del forese e dei lidi nelle ore notturne e durante i festivi, NO allo stanziamento di almeno 1 milione di euro all’anno per la sicurezza, NO alla creazione su base volontaria di un gruppo della Polizia Locale per la difesa dei soggetti più deboli (bambini, anziani, persone diversamente abili). Di fronte all’ennesima testimonianza della sempre più preoccupante situazione di insicurezza urbana che affligge Ravenna – conclude La Pigna – esortiamo per l’ennesima volta de Pascale e la sua Giunta ad attivarsi per mettere in campo, al più presto, interventi efficaci che possano ripristinare una condizione decente di sicurezza per i ravennati, per le abitazioni e per le attività economiche.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batti

    la pigna,di nome e di fatto.difficile trovare qualcosa di positivo di depascale,in effetti è SCARSO.ma ricordo che nell anno passato all interno c era il caporale SALVINI, che aveva poteri e mezzi per contrastare il problema.la sicurezza,

  2. Scritto da Mevar

    Capaci e lungimiranti amici della Pigna, è circa un decennio che i drastici dati sui furti vengono confermati in provincia di Ravenna, per non parlare di quelli drammatici sui disatri ambientali? Mi sembra di capire quindi che gl’interessi della “settaPD” siano ancora superiori a quelli pubblici? Speriamo alle prossime elezioni in opposizioni unite con figure importanti e di rilievo del settore ravennate.