La polemica sulle toilettes? È costruita sul nulla, dice il vice Sindaco di Ravenna Fusignani

Più informazioni su

Eugenio Fusignani non ci sta. Reo secondo Alvaro Ancisi di avere presentato un regolamento di polizia urbana che all’articolo 39 (quello che riguarda le toilettes) sarebbe “contro il buon senso e contro la Costituzione”, replica duramente alle critiche del capogruppo di Lista per Ravenna. “Stiamo parlando di una bozza, solo proposta e nemmeno ancora discussa di fronte alla commissione consiliare prima – dice Fusignani – e poi di fronte ai rappresentanti delle Associazioni di categoria. A tutti abbiamo detto che siamo aperti al confronto, che la bozza dell’Amministrazione comunale è emendabile e migliorabile, che attendiamo le varie proposte in merito. Chi vuole fare polemica la faccia pure, ma sta facendo polemica sul nulla. Ci sono ancora due passaggi in commissione prima e poi ci sarà il dibattito in Consiglio comunale e solo dopo il regolamento sarà adottato.”

Ancisi sostiene che l’obbligo di “consentirne l’utilizzo (delle toilettes dei pubblici esercizi, ndr) a chi ne faccia richiesta, senza subordinare la fruizione all’acquisto di beni o servizi” è una norma contro il buon senso e contro la costituzione.

“Se lo dice un costituzionalista di chiara fama come Ancisi allora ne prendo atto. Il Comune ha il dovere di tutelare il decoro urbano e di combattere il degrado e questa norma può contribuire allo scopo. Ripeto, è migliorabile. Siamo aperti a ogni contributo. Segnalo solo che gran parte degli esercenti del centro già adotta questa linea di comportamento.”

Ma il capogruppo di Lista per Ravenna sostiene che dovrebbe essere il Comune a realizzare bagni pubblici per corrispondere al bisogno dei cittadini e dei turisti.

“Quando il Comune l’ha fatto è stato duramente criticato. Ricordiamo tutti come sono andate le cose sulla vicenda di Piazza Kennedy. E il signor Ancisi era fra quanti prima non ha detto nulla contro le toilettes in Piazza Kennedy e poi ha fatto la battaglia contro le toilettes quando le abbiamo messe.”

Non c’è solo Piazza Kennedy. Si potevano trovare altre soluzioni per installare nuove toilettes.

“Ma ci sono già. Ci sono in Via Zirardini-Pasolini, ci sono nel parcheggio di Port’Aurea, nel parcheggio del Mar. Certo possiamo prenderne in considerazione altre ma non le possiamo mettere ogni 100 metri se vogliamo una città bella e accogliente. In ogni caso, ribadisco di nuovo, aspetto proposte per migliorare la bozza e non polemiche sul nulla.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanna

    C’era un orinatoio pubblico (molto gettonato) all’inizio di Viale Baracca per soli uomini. E’ stato tolto quando hanno messo quello a pagamento in Piazza ma…molti preferiscono farla all’esterno o, come il richedente soldi a chi parcheggia, all’angolo dell’Ottica Vargellini.E’ igienico ciò?

  2. Scritto da armando

    Voglio far presente al sig. Fusignani, che a MILANO, le toilettes sono ai piedi del Duomo e sono accoglienti, pulite e usate da tantissima gente.-

  3. Scritto da Alvaro Ancisi

    Non sa quello che dice, come sempre. Ci ha messo otto mesi a portarlo in discussione ed ora la Giunta risponde a quello che c’è scritto, che di solito la maggioranza non cambia mai di una virgola. Si potrà correggere stavolta, ma attaccare alla cieca vuol dire che sente sale sulla ferita. Noi abbiamo criticato le toilette in piazza Kennedy, insieme a tutti i cittadini di Ravenna, perché ci stavano come i cavoli a merenda. E anche su quelli si sono dovuti correggere. E mai il sig. Ancisi ha attaccato le poche volte che ne hanno messo alcune secondo il buon senso. Ha invece sempre protestato perché non si è trovato mai il modo di metterne almeno una nell’intera zona stazione. Domani faremo una proposta a cui non si può dire di no se non avendo fette di salame sugli occhi.

  4. Scritto da Angelo

    Se il comune non sa come gestire questo problema si potrebbe pensare ad un servizio di consegna di pannoloni per incontinenti a tutti i turisti che vengono a visitare la città. Non si spenderebbe un granchè …….