Fortini (Giovani Democratici Faenza): “Pederzoli irrispettoso della laica sacralità”

Più informazioni su

“La decisione di ieri del Comune di Brisighella di commemorare anche la morte di Paolo Carlo Broggi e della Divisione Monterosa della Repubblica di Salò – dichiara Andrea Fortini, Segretario dei Giovani Democratici Faenza – è un atto cinico e irrispettoso nei confronti della laica sacralità che dovrebbe essere propria di una Festa Nazionale. Precisiamo subito che non siamo tanto ingenui da pensare di poter comprendere o giudicare da un punto di vista morale le scelte di chi ha aderito alla RSI, ma sul significato del gesto del Sindaco possiamo comunque fare una valutazione storico-politica. Il 4 novembre ha due finalità: ricordare i caduti della Grande Guerra e celebrare l’Unità Nazionale. La Divisione Monterosa fu fondata dalla Repubblica di Salò durante la Seconda Guerra Mondiale in un momento in cui l’Unità era un lontano ricordo. Solo con la Liberazione infatti si può ricominciare a parlare di Stato unitario italiano. E diamo una notizia ai nostalgici: se avesse vinto la Divisione Monterosa, non esisterebbe alcuna Nazione, ma soltanto il Reich tedesco con Mussolini suo servitore. Alla luce dei fatti storici dobbiamo concludere quindi che gli Alpini di Salò non hanno nulla a che fare con il 4 novembre. Dato che non siamo persone solite agli stereotipi, siamo convinti che sia il Sindaco Pederzoli, sia gli esponenti faentini di Fratelli d’Italia conoscano la storia del nostro paese. Ma proprio per questo il senso di tutto ciò è solo una provocazione studiata. Hanno trasformato una manifestazione di tutti in una provocazione all’opposizione e hanno preso in giro una comunità. Il fatto ancor più grave è che, con l’intento di reagire contro l’accaduto, è stata rilanciata la notizia. Ma ciò ha avuto l’unico effetto di dare visibilità all’accaduto e al burattinaio che ne teneva le fila. Ora, come GD Faenza, pretendiamo di avere uno spazio per tagliare i fili del burattinaio e per salvare l’onore della Romagna faentina, antifascista da sempre, che non accetta di essere usata ingiustamente da alcuni giornali per dimostrare il pericolo fascista fuori dalla porta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batti

    scarso da sindaco come nel lavoro precedente,comunque costoro di destra in emilia romagna,è successo ancora che sono andati al potere,poi dopo il primo mandato spariti,,CHISSA PERCHE???BOLOGNA 30 anni fa PARMA,a parma cosa è successo,aiutatemi ha ricordare