Ancisi (LpRa) attacca Sindaco e Presidente della Regione sul Progetto Hub Portuale Ravenna: fanno solo propaganda

Più informazioni su

Alvaro Ancisi (LpRa) non festeggia per la pubblicazione del bando per il Progetto Hub Portuale Ravenna. Anzi attacca Comune e Regione e paragona la conferenza stampa che si è tenuta qualche giorno fa in Autorità Portuale al generale Cadorna che, dice Ancisi, “non avrebbe potuto festeggiare la disfatta di Caporetto meglio di quanto i vertici politici della Regione e del Comune di Ravenna non abbiano magnificato venerdì scorso, in una spettacolare conferenza stampa, la gara per l’approfondimento dei fondali del porto-canale. Avrebbero se mai dovuto chiedere scusa.” E perchè? Perchè sostiene Ancisi “questo bando esce 13 anni dopo gli ultimi precedenti scavi, che portarono i fondali a -11,5 metri, e 12 dopo che il Piano Regolatore Portuale 2007 ne aveva dettato i presupposti. Ma il suo obiettivo, finalmente ragionevole, di portare l’asta del canale a -12,5 sarà raggiunto tra altri dieci anni. Se tutto va bene, e sarà un miracolo.”

Quel clima di concordia sul Progetto Hub Portuale Ravenna che il Sindaco Michele de Pascale aveva invocato qualche giorno fa in conferenza stampa come “il bene più prezioso”, viene subito rotto dunque da Ancisi che lasciandosi prendere dalla foga parla addirittura di “potenti gerarchi del PD” colpevoli di avere “somministrato alla città in conferenza stampa” un vero e proprio “comizio” di cui lui intende “smascherarne le due principali vanaglorie”.

Secondo Ancisi “il presidente della Regione ha comiziato da candidato alla rielezione, trascurando che si parlava del porto di Ravenna. Ma è stato il sindaco a vaneggiare che “non sarà solo il porto della regione Emilia-Romagna, ma avrà un ruolo importante nella portualità italiana, punto di riferimento dei container”. Peccato che non sia mai stato neppure il porto della Regione, che ha sempre preferito lo sbocco marittimo sul Tirreno. Appena due anni fa, Bonaccini si è speso a firmare in prima persona un accordo con la Regione Liguria per potenziare i collegamenti ferroviari e stradali tra Parma/Piacenza e il porto di La Spezia.”

“De Pascale ha invero invocato “un cambio di passo da parte di ANAS e delle Ferrovie” anche per il porto di Ravenna. Se non fosse che, quanto a collegamenti decenti col resto d’ Italia, siamo tuttora a zero, condannati a restarci anche dopo che è stato adottato (7 luglio 2019) il nuovo piano regionale dei trasporti 2025. – insiste Ancisi – Qualcuno dovrebbe però dire al primo cittadino di Ravenna che il nostro porto non può, per propria struttura genetica, diventare mai un porto hub dei container, che significa poterli smistare dalle grandi navi “madre” a quelle medio-piccole “feeder”, tipo Pireo (Grecia) e Gioia Tauro (Tirreno). Lo sa bene la SAPIR, che ha dato in gestione l’attuale suo “vecchio” terminal container ad una società che ha tutti gli interessi e il core business sul Tirreno. Non è un caso che funzioni a metà delle sue potenzialità. E neppure che nel 2018 abbia movimentato la miseria di 180 mila unità di container, in linea con un andazzo ultradecennale lontano dall’obiettivo, vincolante da allora, di 300 mila.”

E Ancisi attacca ancora sulla banchina in Largo Trattaroli e sul nuovo terminal container “da 500 mila teu” che “non c’entra niente con la gara d’appalto (si spera) decennale, oltre la quale Governo, Regione, Comune, Autorità Portuale, ecc. potrebbero (si spera) non essere nelle stesse mani. Un terminal verrà di conseguenza, com’è logico quando si fa una banchina. Ma che sia un terminal container è talmente illogico da far temere una nuova esplosiva deriva. Basti citare Giordano Angelini, presidente SAPIR, ex sindaco: “faremo un nuovo terminal container se il porto sarà approfondito a -14,5 metri” (24 aprile 2011). Oppure si porteranno i container a Largo Trattaroli con l’elicottero.”

Più informazioni su