Elezioni regionali 2020. Rontini (Pd): evitare la chiusura dell’ambulatorio di Santa Maria in Fabriago

Più informazioni su

Manuela Rontini consigliera regionale uscente e candidata per il Pd alle prossime elezioni regionali del 26 gennaio ha presentato un’interrogazione per “evitare la chiusura dell’ambulatorio di Santa Maria in Fabriago e scongiurare disagi alle famiglie della frazione lughese”.

L’ambulatorio del medico di base è un servizio fondamentale per una comunità, specie quelle più lontane dai grandi centri come le piccole frazioni di pianura, dice Rontini.

“La chiusura di questi presidi medici rappresenta sempre un grande disagio per gli anziani ed i malati cronici, che necessitano di ricette e controlli – continua Manuela Rontini – per questo, raccogliendo la sollecitazione di alcuni abitanti del territorio, ho presentato alla Giunta un’interrogazione sull’imminente chiusura, dal primo gennaio 2020, dell’unico studio ambulatoriale di Santa Maria in Fabriago, frazione distante oltre 7 chilometri dal centro di Lugo”.

Fino ad oggi l’ambulatorio era aperto solo due mezze giornate a settimana “ma già così riusciva a garantire una costante attività di monitoraggio della salute di un gran numero di assistiti – continua Rontini – che ora non potranno più recarsi in autonomia, a piedi o in bici, dal proprio dottore. Gli ambulatori dei medici di base più vicini, infatti, sono quelli nelle frazioni di San Lorenzo e San Bernardino, collegate a Santa Maria in Fabriago da una sola corsa di autobus pubblico al giorno”.

Il caso del Comune di Lugo è emblematico, dato che solo poco più di due terzi della popolazione risiede nel centro della città, mentre la restante è distribuita in numerose frazioni, più o meno grandi, distanti anche alcune decine di chilometri dal capoluogo.

“Nel documento chiedo alla Giunta regionale se concordi sull’importanza di mantenere un adeguato presidio medico-sanitario sul territorio periferico e quali azioni possa intraprendere per condividere questa esigenza con l’Ausl Romagna, affinché sia promossa la ricerca di una soluzione e siano evitati gravi disagi per le famiglie di Santa Maria in Fabriago, oltre a quelle degli altri territori periferici che, nei prossimi anni, potrebbero trovarsi nella medesima situazione” conclude Manuela Rontini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Natale

    E con tutti i casini che ci sono costei pensa a uno studio medico che fa 2mezze giornate …..non ci siamo più