Cervia, presentato bilancio di previsione 2020: nessun aumento di imposte e investimenti per 16 milioni  

Nessun aumento delle imposte, servizi alle famiglie e alle imprese garantiti, investimenti sul territorio per 33 milioni in tre anni, 16 milioni dei quali già nel 2020: questa in estrema sintesi la manovra finanziaria del Comune di Cervia per il prossimo anno. Il Bilancio di previsione 2020 è stato presentato oggi in Municipio dalla Giunta e dai delegati del sindaco. In apertura il sindaco Massimo Medri ha illustrato un resoconto dei primi sei mesi di mandato (documento allegato al presente comunicato).

È poi stato il vicesindaco Gabriele Armuzzi a illustrare la manovra finanziaria, sottolineando che nessun tributo comunale verrà aumentato, né Imu-Tasi, né l’addizionale Irpef (che resta tra le più basse della Provincia), né l’imposta di soggiorno, che nel 2019 ha garantito un introito di oltre 3.200.000 euro.
Verranno inoltre mantenuti i servizi alla comunità, mantenendo inalterate le tariffe per le famiglie: mensa scolastica, asilo nido (subirà un lieve incremento dell’1 per cento per gli utenti con oltre 22 mila euro di Isee, dovuto all’inflazione programmata),  pre e post scuola, trasporto scolastico, sostegno educativo ai minori con disabilità, assistenza domiciliare, pasti a domicilio per gli anziani, assistenza educativa ai minori, comunità alloggio, condominio solidale, ecc.

Confermate anche le assegnazioni ai diversi servizi comunali, il che permette, per esempio, di garantire il funzionamento degli istituti culturali e l’organizzazione di grandi eventi, elemento di forte richiamo turistico.
Per quanto riguarda la spesa corrente, in fase di assestamento di Bilancio è emerso un disequilibrio di oltre un milione di euro, dovuto a minori entrate derivanti dalle contravvenzioni al codice della strada (autovelox). Per coprire il disavanzo, sarà rivisto il piano della sosta, con una proposta che sarà presentata alla città nelle prossime settimane.

Sul fronte degli investimenti, come si diceva, sono previsti 33 milioni di euro di interventi tra il 2020 e il 2022. Oltre la metà di queste risorse, ovvero più di 16 milioni, saranno già investiti nel 2020 per: riqualificazione fascia retrostante i bagni di Milano Marittima dal Canalino alla XIX Traversa (3 milioni e mezzo di euro, il 75 per cento dei quali provenienti dalla Regione Emilia Romagna); riqualificazione viale dei Mille e viale Milazzo; riqualificazione aree sosta e interventi sulle ciclabili a Milano Marittima; 2 milioni e 600 mila euro per manutenzione strade, marciapiedi e ciclabili; 1.700.000 per manutenzione del verde e delle pinete; circa 500 mila euro per la ristrutturazione delle porte vinciane; un milione di euro per manutenzione delle scuole.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Savorelli Bruno

    Non dimentichiamoci di Viale dei Mille…