Quantcast

Fratelli d’Italia Faenza organizza un incontro su degrado e insicurezza dal centro alla periferia

Il coordinamento Faentino di Fratelli d’Italia rende noto di aver organizzato per il 4 gennaio 2020, alle 17 (nella sala Malmerendi) a Faenza un incontro pubblico dal titolo “Insicurezza e degrado, dal centro alla periferia, difendiamo i cittadini”. L’incontro sarà introdotto dal coordinatore di Fratelli d’Italia Romagna Faentina, nonché assessore al comune di Brisighella, Gianmarco Monti.

Relazionerà il coordinatore città di Faenza Stefano Bertozzi, e parteciperanno i candidatial consiglio Regionale Alberto Ferrero, Rudi Capucci, Elisa Frontini e Angela Nonni. Concluderà i lavori l’On. Galeazzo Bignami – coordinatore regionale di F.d.I.

Stefano Bertozzi, coordinatore Fdi Città di Faenza ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito all’incontro: “Dopo diverso tempo ritorniamo sulla città di Faenza per incontrare i nostri concittadini e presentare la nostra ri-organizzazione, abbiamo deciso di farlo partendo da un argomento che ci sta particolarmente a cuore e che tocca le vite di ognuno di noi e delle nostre famiglie in maniera assolutamente importante, e su cui Fratelli d’Italia è da sempre attento osservatore e propositore. Faenza fa parte di una provincia – Ravenna – che si trova al 15° posto in Italia nella classifica del Sole 24 Ore che fotografa le denunce registrate relative al totale dei delitti commessi sul territorio nel 2018, e raggiunge il 2^ posto assolutoper i furti in abitazione. L’Emilia Romagna piazza in questa poco invidiabile classifica 6 città nei primi 20 posti, pari merito con la Toscana. Al netto dell’effetto denuncia tipico delle zone in cui viviamo rispetto ad altre aree, il problema c’è, è evidente, e merita adeguata attenzione. Troppo spesso si taccia di allarmismo, opportunismo, sensazionalismo, chi cerca di affrontare i temi della sicurezza e del degrado, accusandolo di fomentare paure, quasi fossero destituite di fondamento, spacciando il tutto come fake news o chiacchiere da bar, non è così e vorremmo evidenziarlo, raccogliendo anche gli spunti della città”.