Ravenna. La mobilità al centro di due interventi in Consiglio comunale del capogruppo di Sinistra per Ravenna Michele Distaso

Il Capogruppo di Sinistra per Ravenna Michele Distaso presenterà domani 21 gennaio, nel corso del Consiglio comunale, un’interrogazione e una mozione legate alla mobilità: la prima  relativa al potenziamento del servizio pubblico nel forese e a seguire una mozione avente come oggetto i problemi di viabilità di via Zalamella.

Distaso sottolinea che “i mezzi di trasporto pubblico effettuano poche corse nel tragitto intra-forese creando problemi di collegamento tra i diversi paesi di queste zone così ampie”, e che “le linee 140-141 Ravenna – S. Alberto – Alfonsine/Casal Borsetti dalle 14:30 alle 17:45 non effettuano nessuna corsa; La linea 159 Ravenna – S. Stefano – S. Pietro in Campiano – S. Pietro in Vincoli – Forlì non effettua nessuna corsa dalle 14:06 alle 17:35; La linea 162 Ravenna – Alfonsine – Longastrino – Filo non effettua nessuna corsa dalle 14:06 alle 17:27” inoltre “durante il fine settimana le corse si diradano ulteriormente mancando i mezzi che assicurano il trasporto degli studenti”.
Per tale carenza del servizio pubblico nel Forese, il capogruppo di Sinistra per Ravenna interrogherà l’amministrazione per verificare se vi sia l’intenzione di individuare soluzioni sperimentali di trasporto pubblico nel forese, coinvolgendo anche l’azienda di trasporto START Romagna.

La mozione avrà sarò incentrata sulla necessità di maggiore sicurezza in Via Zalamella, nei pressi del parcheggio del Tennis Club e dell’ASD Azzurra.
Il capogruppo spiega che “soprattutto nel tardo pomeriggio, quando il parcheggio è pieno, il tratto di via Zalamella di fronte al Tennis Club viene usato come zona di sosta auto. Le automobili parcheggiate in quel tratto di via Zalamella causano intralcio per chi sopraggiunge dalla rotonda ma soprattutto grande pericolo in prossimità del parcheggio, perché chi deve uscire dallo stesso ha la visibilità sulla propria sinistra ostacolata dalle auto in sosta ed è così costretto ad occupare parte della corsia di via Zalamella, rischiando uno scontro”.

Secondo Distaso vi è la necessità di ridurre la pericolosità della circolazione in quel tratto di strada molto frequentato e chiede quindi a Giunta e Sindaco di chiedere agli uffici preposti di affrontare la questione in tempi ragionevoli, coinvolgendo nel confronto il Consiglio Territoriale del Centro Urbano; di esaminare la proposta di permettere l’entrata nel parcheggio solo da destra, cioè solo alle vetture che sopraggiungono dalla rotatoria, e di creare una sola uscita dal medesimo, da via Canalazzo e di valutare se esiste la possibilità di creare nuovi stalli di sosta in via Zalamella.