Otto pullman da Ravenna a Forlì per la chiusura elettorale regionale di Stefano Bonaccini

Più informazioni su

Mentre il centrodestra si prepara a chiudere la campagna elettorale occupando Piazza del Popolo a Ravenna, il Pd di Ravenna e i suoi alleati stanno organizzando la conclusione della campagna elettorale di Bonaccini nella vicina Forlì. Per uno scambio di luoghi in qualche modo simbolico. Bonaccini sceglie Forlì che la Lega ha strappato al centrosinistra pochi mesi fa per dire “siamo in campo, vinceremo e ci riprenderemo Forlì alla prima occasione”. Il centrodestra sceglie Ravenna con la mente alle elezioni del 2021 per dire “ora ci prendiamo l’Emilia-Romagna e domani ci prenderemo anche Ravenna”.

Al di là dei discorsi propagandistici carichi di simbologia che assomiglia al Risiko, che riecheggiano nei discorsi dei leader, in questa fase il Pd di Ravenna e i suoi alleati sono impegnati a chiudere in bellezza la loro campagna elettorale regionale a Forlì venerdì 24 gennaio alle ore 21.00 al PalaGalassi Unieuro Arena, con Stefano Bonaccini, per questo stanno organizzando una grande partecipazione anche da Ravenna, con otto pullman.

Ecco i percorsi.

Pullman da Mezzano alle ore 19.35 (fermata autobus piazza della Repubblica), poi Glorie ore 19.40 (Bar Reale), Villanova di Bagnacavallo ore 19.45 (piazza di fronte all’edicola), e Bagnacavallo ore 20 (fermata autobus via Marconi).

Pullman da Savarna alle ore 19.45 (preso La Cangina via Grattacoppa 247), poi a Ravenna ore 20 (via della Lirica sede PD), Ponte Nuovo ore 20.10 (via Romea Sud 97 – sede PD).

Pullman da Piangipane alle ore 19.45 (piazza 22 Giugno 1944 Delegazione Comunale), poi Ravenna ore 20 (via della Lirica sede PD), Ghibullo ore 20.15 (piazzale Chiosco Piadina via Ravegnana 608).

Pullman da Alfonsine alle ore 19.30 (Stadio comunale).

Pullman da Fusignano alle ore 19.40 (piazza Aldo Moro), poi Lugo ore 19.50 (Piazzale piscina comunale).

Pullman da Conselice alle ore 19.35 (piazza Foresti), poi Fruges ore 19.45 (Piazza 8 Marzo), Massa Lombarda ore 19.50 (Stazione ferroviaria), Cotignola ore 20.10 (fermata autobus via Matteotti).

Pullman da Cervia alle ore 19,30 (parcheggio Cgil), poi Castiglione di Cervia ore 19,40 (piazza), Pisignano ore 19,45 (vicino scuola elementare), Cannuzzo ore 19,50 (vicino alla posta).

Pullman da Casola Valsenio alle ore 19.30 (Biblioteca), poi Riolo Terme ore 19.45 (Stazione Autobus), Castel Bolognese ore 20 (Fermata autobus Centro Sociale), Faenza ore 20.10 (Piazzale Pancrazi).

Per info e prenotazioni tel. 0544 281611.

BONACCINI: BUS, TRENI E OGNI MEZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE GRATUITO PER 600 MILA STUDENTI DELL’EMILIA-ROMAGNA

PIANO DA 25 MILIONI DI EURO – IN PROVINCIA DI RAVENNA INTERESSATI QUASI 52MILA STUDENTI

“Sono già 60 mila i pendolari ferroviari che da oltre un anno viaggiano gratuitamente sugli autobus delle nostre città, numero che intendiamo raddoppiare. Si tratta però di un primo passo: nella prossima legislatura vogliamo infatti rendere gratuiti per tutti gli studenti dell’Emilia-Romagna gli autobus, i treni regionali e qualsiasi mezzo del trasporto pubblico locale, dalle corriere nei tratti extraurbani al Metromare di Costa che collega Rimini e Riccione. 600mila bambini, ragazze e ragazzi che frequentano le scuole dell’obbligo, dalle elementari alle superiori, che potranno muoversi senza dover pagare un euro, utilizzando i mezzi del trasporto pubblico locale della nostra regione. Vogliamo sempre di più offrire un’alternativa all’uso del mezzo privato, per avere meno traffico e meno inquinamento. Un obiettivo che vogliamo centrare agendo, contemporaneamente, sul potenziamento della rete regionale di Tpl – più corse, maggiore capacità delle tratte ferroviarie da Piacenza alla Romagna, loro elettrificazione, Servizio ferroviario metropolitano bolognese, allungamento del Trasporto rapido costiero – e sul completo rinnovo del parco mezzi, nuovi ed ecologici, con interventi che nei prossimi cinque anni vedono interventi già programmati e finanziati per 2 miliardi di euro. Vogliamo costruire una regione della piena sostenibilità e allo stesso tempo rafforzare il sostegno a famiglie e cittadini con provvedimenti che abbiamo reso strutturali: dall’abolizione dei superticket sanitari alle rette dei nidi, che abbiamo tagliato di mediamente di mille euro l’anno a figlio e che azzereremo rendendo gratuiti e per tutti nidi e servizi per l’infanzia, con un investimento educativo senza precedenti. Allo stesso modo, rendere gratuito il trasporto pubblico per tutti gli studenti rappresenta una decisione che credo non abbia precedenti. Passi avanti che l’Emilia-Romagna può fare grazie a conti in ordine ed efficienza della spesa”.
Così il presidente Stefano Bonaccini, ricandidato alla guida della Regione, presenta il piano per rivoluzionare il trasporto pubblico locale.

“Per il provvedimento il costo stimato è fra i 20 e i 25 milioni di euro, che saranno interamente coperti da risorse del bilancio regionale. Il calcolo esatto dovrà tenere conto delle agevolazioni già ora attuate dai Comuni. In particolare, i giovani fino al compimento del 27° anno di età godono sconti sugli abbonamenti sia annuali che mensili. Così come ci sono altre iniziative: a Bologna, per esempio, l’abbonamento annuale è gratuito per i bambini e i ragazzi fino alla terza media. La misura regionale dovrà quindi essere armonizzata con l’azione degli enti locali. Attualmente, il Trasporto pubblico locale in Emilia-Romagna è finanziato con 440 milioni all’anno fra risorse statali e regionali, a cui aggiungere l’introito tariffario complessivo, pari a 260 milioni di euro all’anno” dice Bonaccini.

Più informazioni su