Ancisi (LpRa): Regione rinvia a dopo il voto il Piano di adeguamento e messa in sicurezza di Ravegnana e Adriatica

Più informazioni su

Brutta notizia passata in silenzio, lamenta il leader di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi. L’adeguamento e messa in sicurezza delle strade che passano da Fosso Ghiaia, Camerlona, Mezzano e Glorie (l’Adriatica) e Ghibullo e Coccolia (la Ravegnana), “è stata ancora una volta congelata. Le prime attendono da oltre trent’anni due varianti, rispettivamente ai tratti sud e nord, quest’ultimo a completamento della superstrada Ravenna/Ferrara. Le seconde una profonda riqualificazione del tratto Ravenna/Forlì.”

Condizione irrinunciabile perché di tali opere si possa avviare il pur lungo iter tecnico, finanziario ed esecutivo, è che fossero inserite nel PRIT (Piano Integrato dei Trasporti) della Regione Emilia-Romagna, ricorda Lista per Ravenna, e infatti sono state inserite nel testo approvato dall’assemblea legislativa della Regione il 7 luglio scorso, sottoposto poi per 60 giorni alle osservazioni dei cittadini.

“Gli apparati tecnici della Regione hanno esaminato tempestivamente le 53 osservazioni presentate e formulato il testo definitivo del PRIT 2025”, dice Ancisi e “il 14 ottobre l’ha fatto proprio la Giunta Bonaccini, che l’ha poi trasmesso all’Assemblea legislativa per la decisione sull’approvazione finale”. Il Prit 2025 sarebbe stato dunque approvato di lì a pochi giorni, “se non fosse che non è stato posto tra i punti da discutere e approvare dall’assemblea, pur regolarmente convocata fino al 3 dicembre. Avendone chiesto spiegazioni, mi è stato risposto che la Giunta regionale Bonaccini ha inteso rinviare tutto a dopo le elezioni di domenica prossima. – dice Ancisi – Dovendosi ricominciare da capo con un presidente, una giunta e un’assemblea nuova, il tempo di approvazione del mitico PRIT 2025 non può che essere indeterminato.”

Più informazioni su