Samantha Gardin (Lega): sicurezza, economia e welfare le tre priorità della mia agenda

Più informazioni su

“Sicurezza, rilancio del sistema-Emilia e welfare: ecco i primi tre punti fissati nella mia agenda delle priorità, se domenica sarà eletta consigliere regionale della Lega”.
La candidata del Carroccio alle regionali di domenica, Samantha Gardin, annuncia la sua agenda. “I primi tre capitoli nella fitta agenda delle cose da fare riguardano: sicurezza, economia e welfare. Per quanto concerne il primo punto, nell’ottica di intercettare e fronteggiare il clima di insicurezza che sta intossicando gli emiliano-romagnoli proponiamo innanzitutto l’istituzione dell’Assessorato alla Sicurezza e Legalità per il coordinamento delle Forze dell’Ordine su tutto il territorio regionale. All’interno troverà spazio il Garante regionale per la tutela delle vittime di reato (Progetto di legge già presentato in questa legislatura regionale dalla Lega), una figura di riferimento per chi ha subito furti o violenze personali, con un ufficio dedicato all’interno dell’ente e aperto ai tanti cittadini che hanno bisogno di sostegno e consulenza. Inoltre, col recepimento e l’applicazione del Decreto Sicurezza e del Decreto Sicurezza Bis sull’immigrazione, potremo perseguire un maggior presidio del territorio, a tutto beneficio della sicurezza urbana” spiega la candidata del Carroccio.

“Venendo al capitolo economia, voglio essere realista: se dovessi dare un voto al Sistema Emilia, gli darei 7, anche se sono consapevole che potremmo essere da 10. L’Emilia-Romagna è una regione ricca di imprenditori, e in particolare di piccole e medie imprese d’eccellenza che continuano ad investire nonostante le politiche fiscali oppressive targate PD. Non possiamo lasciare da sole le imprese, ma occorre accompagnarle nel loro percorso di crescita: ecco perché intendiamo puntare ad attrarre investimenti verso il nostro territorio. La ricetta per il rilancio del sistema-Emilia? Meno tasse, meno ‘ragioneria’ agli ordini di Bruxelles: occorre liberare il talento dei nostri imprenditori. Perche’ se e’ vero che non abbiamo il petrolio, e’ anche vero che creativia’, talento e voglia di fare non mancano di certo in Emilia-Romagna” sottolinea la candidata leghista.

“Sul fronte welfare, riteniamo che sia necessario migliorare il sistema di coordinamento del welfare regionale nel suo complesso, dialogando con le piccole e medie imprese, i Comuni e il Terzo Settore, senza escludere nessuno. Tuttavia, tra le nostre proposte, riteniamo sia prioritario il sostegno alla famiglia tradizionale, che intendiamo perseguire sia agevolando le giovani coppie italiane nella ricerca della casa (tant’è che fra i criteri per l’accesso agli alloggi popolari, intendiamo elevare da 3 a 10 anni il requisito della residenzialità storica) sia attraverso misure volte e favorire la conciliazione vita-lavoro, specialmente per le donne. Insomma, come dico sempre: le cose da fare non mancano, ora, però, la priorità è “sfrattare” Bonaccini ed il Pd dalla Regione” conclude Samantha Gardin.

Samantha Gardin (Lega): contro la denatalità, sostegno economico alle famiglie con taglio di Irpef e Irap

“Il sistema economico dell’Emilia-Romagna ha dimostrato minore capacità di generare benessere per le famiglie rispetto al resto del Paese, nel periodo conseguente alla crisi del 2008: è quanto emerge, ad esempio, dalla stagnazione del reddito disponibile (che non ha percorso la stessa traiettoria del PIL e rimane ancora al di sotto dei livelli pre-crisi) e dall’aumento del numero di famiglie a rischio di povertà (ora al 17.2%). Del resto la nostra regione è strutturalmente più anziana della media nazionale, con i giovani adulti che rappresentano attualmente solo un quarto dei cittadini emiliano-romagnoli”. Lo sostiene Samantha Gardin, candidata della Lega alle elezioni Regionali di domenica, per la quale è necessario rilanciare la natalità sul nostro territorio.
“Occorre seminare per avviare un’inversione di tendenza che è innanzitutto culturale ma anche economica ed organizzativa. Se una giovane coppia avesse quel minimo di aiuto per rimuovere alcuni ostacoli materiali, probabilmente avrebbe meno timore a mettere alla luce un figlio. In ogni caso al problema della natalità non risponderemo importando nuovi nati ma usando le risorse disponibili affinché chi è in Emilia Romagna abbia meno problemi” sottolinea Gardin.
“Del resto anche la nostra proposta in materia fiscale va in questa direzione: il primo passo è quello di arrivare ad una Flat Tax all’ 1% per l’ Irpef Regionale in 3 anni, per poi azzerarla. In altre parole: 400 milioni di tasse in meno all’anno agli emiliani e ai romagnoli, per sostenere i consumi, il lavoro, la produttività e, soprattutto, la natalità. Questo provvedimento, insieme al taglio per un anno dell’Irap per il totale dei costi che ogni azienda sostiene per formare un giovane uscito dalla scuola, rappresenta il nostro modo concreto di sostenere giovani imprese, lavoro e famiglie” conclude Samantha Gardin.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Remo

    Non sono d’accordo, primo chi sta bene economicamente non si mette a fare figli, anzi si ha più voglia di far carriera e oltre il lavoro si occupa il proprio tempo a far volontariato, viaggi, disco…
    Ma chiedo alla consigliera se le nostra strutture scolastiche sono deserte? Abbiamo situazioni di sovraffollamento.

  2. Scritto da mirko

    Primo 1: chi intossica l’aria, chi alimenta paure e razzismo e chi sfrutta disgrazie per fini politco-elettorali siete voi.
    Punto 2: se l’esempio lavoro è il suo capo meglio voltare pagina!
    Punto 3: la famiglia è più che tutelata in EmiliaRomagna, non dica falsità!

  3. Scritto da Viola

    Dicono che “ci vogliono liberare” questa è casa mia e sono libera! Ogni giorno della mia vita mi sono sentita libera, grazie a qualcuno che ha lottato perché io lo fossi! E ora voi venite qui a dire a noi che ci volete liberare, da cosa di grazia? Dalla democrazia che abbiamo avuto fino ad oggi?

  4. Scritto da batti

    bene , allora se sanno fare queste cose,perché dove governano non le fanno,questa regione nei ultimi 50 anni è sempre cresciuta,la lomberdia sempre vostra era l unica i italia nei ultimi 30 anni rallenta sempre…….aaah proposito del garante della legalità,UNA PARTE DEI 49 MILIONI ERANO ANCHE I MIEI POSSO RICHIEDERE LA RESTITUZIONE????