Verdi E-R su Blocco Trivelle: “Favorevoli allo stop, necessario passare dal metano alle rinnovabili”

“L’ampliamento delle attività estrattive di gas dall’Adriatico non è la strada giusta per affrontare il tema, non più rinviabile, dell’emergenza climatica. Pur condividendo le preoccupazioni del presidente Bonaccini e dei sindacati per i lavoratori coinvolti nel settore offshore, siamo favorevoli allo stop – approvato con l’emendamento incluso nel decreto Milleproproghe – di nuove attività di ricerca di giacimenti di gas metano, stop che non riguarda le attività estrattive già in corso”. Queste le dichiarazioni di Paolo Galletti, co-portavoce Federazione Verdi Emilia-Romagna e Silvia Zamboni, co-portavoce Federazione Verdi Emilia-Romagna e consigliera regionale che proseguono: “Di fronte ai cambiamenti climatici e all’obiettivo della Commissione Europea di abbattere le emissioni climalteranti del 55% al 2030, non possiamo che ribadire con forza che non ci possiamo più permettere ulteriori rinvii della transizione ecologica ed energetica, cardine anche del nostro programma alle elezioni regionali.”

“La risposta di Europa Verde allo stop a future attività di ricerca di giacimenti e alla questione, più generale, dei posti di lavoro è che il governo deve finalmente avviare la transizione energetica del Paese – aggiungono gli esponenti – tenendo conto della just transition, per rispondere alla sfida dell’emergenza climatica e per posizionare il nostro paese sui mercati capaci di futuro delle fonti di energia rinnovabili e dell’efficienza energetica. Per Europa Verde attività di ricerca e investimenti vanno pertanto rivolti a favore del progetto di Riviera Adriatica Eolica-Solare in grado di creare nuova occupazione sostenibile anche nel settore industriale e di qualificare l’offerta turistica del territorio nel segno della sostenibilità. Quaranta anni fa i Verdi ottennero che a Ravenna si realizzasse una centrale a metano anziché a carbone. Oggi chiediamo che la transizione prosegua passando dal metano alle rinnovabili”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pippo

    La centrale a metano è stata realizzata in quanto c’era metano disponibile….in loco.

    La transizione energetica ecologica del paese si fa con la riduzione dei consumi e con l’impiego di energia a minor impatto,
    non con l’ acquisto di energia da Russia o altri paesi lontani con conseguenze solo negative per tutti (maggior impatto ambiente nel mondo, perdita di posti di lavoro in Italia, minori introiti per lo stato italiano, maggiore consto dell’energia un Italia,ecc.ecc.)

  2. Scritto da agi62

    Ma questi Verdi, per coerenza, hanno chiuso i rubinetti del gas in casa propria?
    Immagino che abbiano tutti impianti rinnovabili per alimentare la propria abitazione, anche quando non c’è ne vento ne sole, forse usando batterie?
    Ah, giusto, ma anche le batterie inquinano e non poco e se stai 10 giorni senza sole o vento le ricarichi pedalando sulla cyclette?
    Ormai la parola “rinnovabili” è inflazionata e incompresa da tutti questi signori pieni di ipocrisia.