Quantcast

Roberto Fagnani (Italia Viva) boccia la Fase 2 di Conte: manca visione strategica malgrado le task force

Più informazioni su

“Il provvedimento del Governo sulla Fase 2 per la riapertura di tante imprese di produzione del commercio e dei servizi che stabilisce le nuove norme tanto attese è insufficiente. Presuppone una mancanza di una visione prospettica, organizzata e pianificata sulla ripresa produttiva e sulla riapertura di moltissime attività del commercio e dei servizi – è quanto ha dichiarato Roberto Fagnani coordinatore Provinciale di Italia Viva – Il 4 maggio con tutte le procedure necessarie, a garanzia della sicurezza, distanziamento sociale, presidi sanitari come mascherine, guanti, si sarebbero potuti riaprire tutte quelle attività in grado di garantire la sicurezza, la salute di cittadini e di lavoratori, a nulla sono valsi i tentativi piuttosto decisi dei Ministri Bellanova e Bonetti che hanno contestato alcuni punto del piano, hanno rilevato, troppa prudenza e incertezza su bar e ristoranti, insufficiente il piano dei trasporti  per poter servire i lavoratori delle imprese e i cittadini ed inoltre vi sono contraddizioni palesi, come quella della tra la giusta riapertura dei musei, e il vietare la possibilità di presenziare a funzioni religiose.”

Continua Fagnani: “Manca una visione strategica, nonostante le task-force messe in campo, e l’assunzione di responsabilità di chi deve decidere un piano di recupero di quanto abbiamo perso nella fase di lookdown. La mia preoccupazione e quella di Italia Viva è quella della tenuta del sistema produttivo che rischia di perdere quote di mercato, con migliaia di imprese a seguito delle misure fin qui adottate hanno dovuto chiudere, forse non riapriranno più. Per queste ragioni è necessario continuare ad  approfondire questa Fase 2 e tentare al più presto quelle modifiche, a mio avviso necessarie. Anche sulla chiusura delle scuole dell’infanzia si poteva prevedere una riapertura con diverse modalità, e con l’utilizzo anche degli spazi esterni, come stava approfondendo il Comune di Ravenna, per poter dare un servizio ai lavoratori delle imprese e alle famiglie.”

Conclude Fagnani: “Ritengo inoltre che si debbano raccogliere i dati circa i danni  subiti da Ravenna a causa della chiusura prolungata di moltissime attività, per poi chiedere al Governo le misure necessarie alla ripresa economica della nostra Provincia compresa l’immediata riapertura delle estrazioni del gas naturale, un comparto a Ravenna molto importante che dà lavoro a migliaia di lavoratori e rappresenta anche per lo stato un vantaggio dovuto alle entrate dalla tassazione al settore. Infine dobbiamo lavorare per rivedere tutto il sistema impositivo oltre naturalmente far arrivare sostegno economico a tutte le imprese attraverso denaro messo a disposizione dallo stato a fondo perduto.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da f. baldo

    allora non ti sembra che sia venuto il momento di staccare la spina a questo incapace e penoso governo? Italia viva esiste o no? Vogliamo certezze

  2. Scritto da jack

    Amico Fagnani non ti preoccupare, la prossima volta l’assessore lo andrai a fare in giunta con Renzi. A Ravenna si ricorderà solo il tuo presenzialismo, ma neanche perchè Mingozzi era molto meglio.

  3. Scritto da lorenzo

    concordo con Fagnani, occorre raccogliere i danni subiti da ravenna a partire dagli ultimi cinque anni del “suo” governo. Fagnani estrarre il gas per far che??? dall’inizio della crisi i consumi si sono dimezzati, e caleranno sempre di più grazie anche alle tariffe praticate da Hera, controllata dal comune e quindi anche da Lei. Controllata forse, perchè secondo me se ne sb… altamente di voi,al massimo assumono qualche politico trombato.

  4. Scritto da batti

    non c è dubbio che il conte non sia il massimo.v oi di italia viva,siete sempre piu la bruttacopia della lega,e i due matteo sempre piu uguali..voi invece come i alfieri le prime pedine da sacrificare