Quantcast

Ex sindaco di Cervia Luca Coffari si dimette dal consiglio comunale: “una scelta professionale” già annunciata

Al suo posto subentra Patrizia Petrucci

È notizia di oggi, 21 luglio 2020, che l’ex sindaco di Cervia Luca Coffari si è dimesso dal consiglio comunale cervese. Al suo posto subentra il consigliere PD Patrizia Petrucci (attualmente delegata al verde del comune di Cervia).

Raggiunto al telefono, Luca Coffari comunica così la sua decisione: “In realtà io mi sono dimesso un mese fa, poi la cosa è diventata nota solo ora. Si è trattato di una scelta esclusivamente professionale, poiché mi voglio completamente dedicare al mio lavoro in Cna. Non ci sono ragioni politiche di nessun tipo, infatti resto nel Pd, continuo ad essere iscritto e continuerò a dare una mano. Ho fatto un tratto di strada e ho aiutato i nuovi consiglieri in questo primo anno, adesso è giusto che vadano avanti loro. E credo sia giusto che io mi dedichi anima e corpo al mio lavoro. Avevo già annunciato da tempo la mia decisione al partito. Sono contento di lasciare il posto ad una donna che aumenta la quota rosa dell’aula e di aver contribuito alla crescita di un bel gruppo di giovani consiglieri del Pd alla prima esperienza. Ringrazio davvero di cuore i tanti che in queste ore mi stanno dimostrando il loro affetto e la loro stima.”

Alla domanda se si è mai pentito di avere praticamente lasciato la politica attiva ancora molto giovane e dopo avere rinunciato alla ricandidatura a Sindaco, Coffari risponde: “No. Nessun pentimento o rimpianto. La mia nuova vita mi piace. E la militanza politica continua, ma in altra maniera.”

Il sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, amico personale di Luca Coffari, ha rilasciato un commento sulla propria pagina Facebook che riportiamo integralmente: “Luca Coffari è stato nominato assessore da Roberto Zoffoli nell’ottobre del 2010 a soli 22 anni. In questi 10 anni siamo poi stati Assessori nella stessa giunta, poi insieme Sindaci di Cervia e di Ravenna, e sempre insieme anche in Provincia. È stato un grande onore lavorare con un amministratore straordinario come lui, condividere progetti, idee e anche qualche “pazzia”. Dopo aver superato ogni aspettativa in un solo mandato, ha deciso che la sua strada era un’altra e, ora sono certo che darà un contributo fortissimo al sistema delle imprese di tutto il nostro territorio. Io, dopo anni di impegno in cui non si è mai risparmiato un secondo, dopo gioie, entusiasmi, delusioni e qualche momento veramente difficile, gli auguro buona fortuna e soprattutto, gli dico, GRAZIE LUCA!”.

Michele de Pascale, candidato sindaco del centro sinistra per il Comune di Ravenna

Mauro Conficoni, segretario comunale PD Cervia e Alessandro Barattoni, segretario provinciale PD Ravenna hanno commentato in coro le dimissioni di Coffari, rilasciando un commento tramite nota stampa: “Ci sono persone che lasciano segni, fra la gente e nella loro città. E Luca Coffari è una di queste. Entrato giovanissimo nel PD, ha apportato da subito un vento di novità, facendo l’ assessore prima, il sindaco dopo e nell’ultimo anno con grande generosità il consigliere comunale. Pragmatismo e visione, uniti a una grande capacità di fare squadra, hanno fatto di Luca un sindaco amato che ha lasciato un segno importante nella nostra Cervia. Grazie Luca, anche nelle tue scelte successive hai dato prova del tuo carattere, scegliendo , giustamente, la tua strada professionale. Ti auguriamo il successo che meriti anche lì, sicuri che la passione della politica, se pur in forme diverse, non ti lascerà mai e che sarai sempre al nostro fianco.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lorenzo

    tanto di cappello, caso più unico che raro, uno che finalmente ha deciso di andare a lavorare.