Quantcast

Elezioni Faenza. Massimo Isola può contare anche sul Partito Repubblicano Italiano

Più informazioni su

Il Partito Repubblicano Italiano sostiene Massimo Isola nella sua candidatura a sindaco di Faenza. “Un appoggio politico e amministrativo, di campo e di opinione” precisano dal PRI, scendendo maggiormente nei particolari: “Appoggio nato nel Partito ancora prima dei confusi tentennamenti di quel polo liberaldemocratico che oggi a Faenza sembra impreparato e sgretolato nell’affrontare una prova elettorale per la Città, forse appiattito sulle piccole pretese nazionali e personali che bloccano la presenza sulla scheda elettorale di una lista che sarebbe stata un bel valore aggiunto per la cultura del centrosinistra”.

“Il Partito Repubblicano Italiano – continuano al PRI – sostiene Massimo Isola nella sua candidatura a sindaco di Faenza e l’appoggio pratico ed elettorale sarà deciso e coordinato nei prossimi giorni secondo le decisioni degli organi provinciali e della Consociazione faentina. Del resto, a Massimo Isola il sostegno del PRI non è mai mancato: è stato proprio in prima persona il segretario provinciale Eugenio Fusignani a portare la bandiera dell’Edera alla manifestazione di apertura della campagna elettorale del centrosinistra a Faenza, il 2 agosto scorso al parco Calamelli e alla presenza di Stefano Bonaccini, presidente di Regone Emilia–Romagna”.

“Tutto questo avveniva mentre +Europa e Azione, forze che i Repubblicani rispettano e stimano al punto di aver compreso e persino accettato i loro lunghissimi tempi di scelta e responsabilità, continuavano a tenere frenati nomi e impegni di un progetto civico e politico sostenuto in larga parte dai più giovani e volenterosi militanti, e con caratteristiche specifiche di tradizione faentina in un carattere di laboratorio utile a tutta la Romagna”, aggiungono.

“Saranno allora i dirigenti, parlamentari ed europarlamentari di Azione a spiegare il perché del divieto assoluto di utilizzo del loro simbolo e del loro nome in elezioni locali, anche quando richiesto a gran voce dalla base, e saranno sempre i responsabili di Azione e +Europa a spiegare ai cittadini perché a Faenza i movimenti più agili, europeisti e popolari si sono avvitati su loro stessi restando, tra veti politici e pigrizia di proposta, alla finestra delle altrui decisioni”, affermano dal PRI.

“I Repubblicani – concludono -, dopo aver tentato di costruire la proposta, non solo a parole, più inclusiva e avanzata per il futuro e per la Città, continueranno a praticare pensiero e azione dell’area laica e liberaldemocratica, convinti dal programma e dalla sfida di Massimo Isola, che fin da subito ha ben sottolineato il valore dei doveri e la sfida della scuola. Per tutto questo, e per rappresentare e potenziare le necessità di cultura d’impresa, sviluppo sanitario e disciplina della sicurezza, il PRI conferma il proprio impegno nella coalizione di centrosinistra anche a Faenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jack

    Ora Isola è in una botte di ferro, saranno quei 4/5 voti dei repubblicani a fare la differenza !