Elezioni Faenza. MoVimento 5 Stelle scende in campo con il centrosinistra a sostegno di Massimo Isola

Più informazioni su

La febbrile corsa contro il tempo è stata vinta. Il MoVimento 5 Stelle rientra nella competizione elettorale nella coalizione di centrosinistra che ha come candidato sindaco Massimo Isola, dopo le elezioni del 2010 e del 2015 che lo aveva visto in corsa solitaria con propri candidati alla massima carica cittadina.

La lista dei candidati, che verrà presentata domani mattina, giovedì 20 agosto, è composta dai nomi di 17 persone e si apre con quello di Massimo Bosi, candidato sindaco nel 2015 poi capogruppo in Consiglio comunale e portavoce pentastellato assieme agli altri due eletti Marilena Mengozzi di nuovo presente e di Andrea Palli, il quale stavolta non entra ma resta attivo nel MoVimento; è da segnalare il rientro di Vincenzo Barnabè, pungente consigliere nei confronti della prima giunta Malpezzi.

Ecco la lista completa, così come è stata pubblicata sul sito ufficiale del M5s:

  • Massimo Bosi (capolista, 50 anni, capogruppo uscente),
  • Maria Doriana Mercatali (pensionata, già insegnante),
  • Brunella Sbarzagli (35, impiegata),
  • Mattia Merendi (37, ingegnere progettista di impianti meccanici temici),
  • Marilena Mengozzi (59, consulente finanziaria),
  • Giovanna Minardi (76, pensionata e nonna),
  • Matteo Valli (34, impiegato amministrativo),
  • Edda Trerè (60, esperta di indagini statistiche),
  • Lorenzo Sangiorgi (24, disegnatore meccanico),
  • Marco Neri (49, infermiere professionale),
  • Massimo Bolognesi (49, ingegnere progettista),
  • Romano Boldrini (76),
  • Lorenzo Golfari (58, operaio in industria ceramica),
  • Giuly Cembali (58, impiegata nella logistica),
  • Maria Rosaria Capirossi (62, cuoca),
  • Alessandro Carro (58, ingegnere),
  • Vincenzo Barnabè (59, responsabile Qualità aziendale).

Fatta la lista, per il M5s faentino è tempo di caccia alle firme di certificazione dei cittadini da presentare entro le 12 di sabato prossimo all’Ufficio elettorale del Comune: contrariamente a quanto si pensava fra i pentastellati, e da noi riportato, non esiste l’esenzione in quanto partito presente col medesimo simbolo sia in Comune sia in Regione. Ce ne vogliono 67 “buone”, ossia valide, quindi prudenza vuole che se ne raccolgano un’ottantina.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Grande coerenza, dopo anni di opposizione al vice-sindaco che ora e’ il loro candidato….