Elezioni Faenza. Italia Viva si presenta e spinge il centrosinistra sul tema della sicurezza

Capolista Alessio Grillini: “Il fronte dei moderati è questo, questa è la casa dei moderati. Chi dice di essere moderato e va a braccetto di Salvini mente sapendo di mentire”.

Più informazioni su

Per presentare agli organi d’informazione i candidati consiglieri comunali, il cui elenco completo è pubblicato in fondo, Italia Viva ha fatto arrivare a Faenza il deputato Marco Di Maio e il coordinatore provinciale Roberto Fagnani in Piazza Dante Alighieri, nota anche come “Piazza della Cavallerizza”, dallo storico maneggio coperto trasformato in palestra negli Anni 80 del secolo scorso: un giardino pubblico ricco di belle e imponenti alberature che si trova a poche centinaia di metri dal centro storico in una zona densamente abitata.

A fare da “padrone di casa” è stato il capolista Alessio Grillini (con transiti di varia durata in passato da Unione di Centro, Popolo della Libertà, Nuovo Centro Destra, Forza Italia, mantenendo viva la sua creatura civica “Io Faentino” con la quale nel 2015 si candidò sindaco senza però approdare sui banchi di Palazzo Manfredi), per la prima volta schierato all’interno dell’area di centrosinistra che vuole portare Massimo Isola alla massima carica comunale.

“La nostra lista rispecchia diverse realtà del tessuto sociale faentino – ha esordito Grillini -: in queste settimane siamo diventati un gruppo affiatato che riesce a lavorare bene. Per me, per noi Piazza Dante Alighieri ha un valore simbolico legato al tema della sicurezza delle persone: abbiamo fatto tanto perché questo posto, dove si sono verificati piuttosto spesso episodi quanto meno spiacevoli, venisse riconsiderato, rivisto affinché vi venissero adottate soluzioni che piano piano potessero dare nuova luce. Noi non facciamo proclami, ma siamo sul territorio per proporre e risolvere, e ci veniamo. Italia Viva diventerà l’attore principale per il fronte dei moderati. Quindi i moderati avranno solo un riferimento moderato con Massimo Isola – ha attaccato il capolista renziano -. Chi dice di essere moderato e va a braccetto di Salvini (il senatore Matteo, segretario federale della Lega: n.d.r.) mente sapendo di mentire. Il fronte dei moderati è questo, questa è la casa dei moderati”.

Isola_Grillini_Valeriani

Massimo Isola (candidato sindaco del csx), Alessio Grillini, Veronica Valeriani.

“Quando Massimo Isola ha ufficializzato la sua candidatura a sindaco, abbiamo subito raccolto la sfida che è anzitutto un’elezione amministrativa per Faenza e sul futuro di Faenza – ha detto Marco Di Maio -. Non è un’elezione politica dove contano le alchimie tra i partiti. Il ‘nuovo inizio’ che Isola propone assieme alla coalizione trova il nostro contributo per una città che ha avuto dalla sua dieci anni di amministrazione Malpezzi molto oculata, attenta e dentro ai problemi, ma che oggi deve guardare al futuro e a nuove enormi sfide. Già ci sono delle emergenze a cui fare fronte a partire dalla scuola che deve partire in sicurezza. La scelta di Italia Viva di sostenere il progetto del centrosinistra è molto legata alla persona di Massimo Isola che ha esperienza e conosce i problemi irrisolti e le potenzialità di Faenza, quindi le aree su cui intervenire – ha aggiunto l’onorevole Di Maio -. Proprio perché è un’elezione locale, Italia Viva si trova eccezionalmente in coalizione con il MoVimento 5 Stelle: in tante altre realtà non lo abbiamo fatto, non essendoci le condizioni”.

“Partecipare alle elezioni faentine è importante per Italia Viva che sarà chiamata nel 2021 alla ‘partita per Ravenna’ – ha sottolineato Roberto Fagnani, che è anche Assessore comunale nel capoluogo provinciale -. Italia Viva è nata a metà dello scorso ottobre alla ‘Leopolda’ di Firenze per iniziativa di Matteo Renzi ed è già attiva in tutti i territori. Fin da subito abbiamo trovato in Isola un candidato competente, valido, che si è messo al servizio di tutti. E noi possiamo dire di essere stati fra i primi partiti che hanno contribuito a fare nascere la coalizione di centrosinistra, di cui Italia Viva sarà una parte molto importante”.

“Con Italia Viva, assieme alle altre forze della coalizione costruita dentro il mondo riformista, abbiamo deciso di provare a dare risposte straordinarie a una fase straordinaria – ha evidenziato Massimo Isola -. La cronaca di questi giorni ci dice che abbiamo bisogno di costruire una città diversa da quella precedente alla diffusione del Coronavirus, che ha creato complicazioni, ampliato disuguaglianze, creato un fossato sociale importante. Italia Viva ha messo a disposizione del nostro progetto delle competenze vere, importanti, professionisti, cittadini che nel corso dei loro anni hanno costruito esperienze professionali all’interno delle quali la loro dimensione pubblica e civica era evidente. Insieme con noi proveranno a cambiare Faenza, a creare un nuovo percorso di sviluppo per la nostra città, tenendo insieme anche situazioni che un tempo potevano essere percepite come di opposizione. Uno dei temi del ‘nuovo inizio’ è ‘proviamo a costruire una città aperta, inclusiva, tollerante, ma all’interno della quale la questione della sicurezza è un punto fermo’ – ha affermato Isola -. La nostra attitudine ci dice che siamo contro il razzismo, contro questo linguaggio molto forte, con il quale si attacca il tema della ‘diversità’. Lo abbiamo visto in questi giorni da parte di altre formazioni politiche; noi non disprezziamo la ‘diversità’: per noi è un valore. Ci fa essere più concorrenziali: nel nuovo mondo non ci sarà spazio per chi professa il pensiero unico, la cultura unica; il mondo del futuro sarà di chi riuscirà a dare risposte complesse al mondo complesso, quindi la ‘diversità’ è un valore, se però riusciamo a renderlo come tale, e in questo senso il tema della sicurezza per noi è fondamentale, perché non si fa comunità se c’è insicurezza. L’insicurezza porta a chiudersi in casa ed è quello che noi vogliamo combattere. Italia Viva ci ha posto alcuni temi al centro del dibattito come condizioni fondamentali per stare in squadra: uno è quello della sicurezza – ha concluso il candidato del centrosinistra -. Vogliamo che anche il ‘quadrilatero’ di Piazza Dante Alighieri torni ad avere quella serenità che deve avere. La ‘Cavallerizza’, per esempio, è una di quelle palestre che sarà nei 4-5 punti che racconteremo presto riguardo i nuovi luoghi sportivi dando priorità alla ristrutturazione di alcuni come, appunto la ‘Cavallerizza’”.

Lista di Italia Viva, Faenza 2020

Alessio Grillini (42, assicuratore)
Patrizia Ambrogi (57, commessa nel centro storico)

Beatrice Azzani (47, addetta alle vendite nella Grande Distribuzione)
Alessandro Bettoli (47, tecnico industriale)

Sandra Cornacchia (55, impiegata Ausl)

Miklos Floris (49, imprenditore nell’edilizia ecologica)

Paola Lama (67, pensionata, già dirigente infermieristica)

Chiara Maccagni (46, insegnante all’Istituto Comprensivo di Alfonsine)

Alex Manzoni (31, imprenditore)

Antonino Moretta (36, disoccupato, papà separato di due figli, scrittore e corridore)

Roberto Naldi (imprenditore di “Pizza casa”)

Mirko Rivalta (48, geometra libero professionista specializzato nella riqualificazione di edifici, presidente di B.M.I. Maioliche)

Federica Rosetti (47, impiegata amministrativa in azienda edile, presidente della società sportiva faentina “Diamante Torelli” Ginnastica Ritmica

Veronica Valeriani (44, avvocata, portavoce delle persone fragili)

Donatella Venturi (56, insegnante)

Silvia Vittorietti (54, dipendente nel settore pubblico, dirigente della Pallavolo Faenza)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Elisa

    Italia Viva da quello che dite si capisce bene che non avete capito niente o fate finta di non capire. Nessuno ce l’ha con nessuno tanto meno le diversità. Il problema è il DEGRADO. La mancanza di disponibilità economica del paese dove non è in grado di occuparsi dei propri cittadini figuriamoci degli immigrati che sono tutti sparsi nelle strade e nelle piazze. L’Italia non ha soldi ha debiti e una grossa crisi economica e sanitaria. Ma voi dove vivete????