Articolo Uno e Sinistra per Ravenna interpellano il Sindaco: “Mobilità ciclistica, quali risorse?”

Più informazioni su

Con un Question Time con risposta in Consiglio Comunale, Mariella Mantovani di Articolo Uno Ravenna e Michele Distaso di Sinistra per Ravenna interpellano il Sindacosul tema della Mobilità ciclistica:

“CONSIDERATO CHE Dagli organi di informazione si può leggere con soddisfazione che anche “il Comune di Ravenna rientra tra i beneficiari del decreto ministeriale sulle risorse destinate a ciclovie urbane con l’assegnazione di 800mila euro da investire nella mobilità ciclistica.”

E CHE “L’importo è comprensivo di un bonus assegnato ai soli Comuni sopra i 50.000 abitanti dotati di Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, il Pums di cui Ravenna è dotata fin dal gennaio 2019”

INOLTRE In queste settimane diverse città dell’Emilia-Romagna, tra cui Modena, hanno definito modalità precise per incentivare in modo concreto e significativo il “bike to work“, l’utilizzo della bicicletta per recarsi al lavoro, in quanto l’utilizzo sistematico della bici comporta vantaggi sociali ormai acclarati in termini di ambiente, qualità urbana e salute. Vantaggi resi oggi ancora piu’ importanti dall’emergenza COVID;

TENUTO CONTO CHE Il Consiglio Comunale di Ravenna ha sollecitato con un ODG unitario la definizione di un regolamento che incentivasse concretamente il “bike to work” anche a Ravenna;

SI CHIEDE AL SINDACO E ALLA GIUNTA COMUNALE – Di confermare ufficialmente se il Comune di Ravenna rientra tra i beneficiari del decreto ministeriale sulle risorse destinate a ciclovie urbane con l’assegnazione di 800mila euro da investire nella mobilità ciclistica; – Di informare il Consiglio se la Giunta Comunale ha già definito come utilizzare queste importanti risorse aggiuntive o se intende attivare un percorso che coinvolga il territorio, il tavolo tecnico con le associazioni del settore e le commissioni consiliari competenti per definirlo in tempi rapidi e con un ampio consenso; – Se intende presentare una proposta che promuova il “bike to work” in tempi rapidi, in modo da attivare tali incentivi prima della conclusione del mandato amministrativo.

 

 

Più informazioni su