Morrone (Lega) attacca il governo: è fuori dalla realtà, contro il buon senso, ha una cultura politica oppressiva

Più informazioni su

“Mi associo alle proteste di chi ravvede nelle ultime iniziative del Governo Conte l’ennesima prova di irrealtà dell’esecutivo, che impone provvedimenti non solo antistorici, ma contro il buon senso e da cui emerge una cultura politica oppressiva. Gli italiani sono perfettamente consapevoli della necessità di non abbassare la guardia nei confronti del virus. Tuttavia le proibizioni governative trasformeranno le prossime festività natalizie in un doppio incubo per i nostri connazionali, quello determinato dal terrorismo sanitario e quello essere prigionieri senza aver commesso nulla di male”. Lo afferma il parlamentare della Lega Jacopo Morrone in una nota.
“Lo scontento, tuttavia, serpeggia anche dentro la maggioranza, seppure senza grandi patemi d’animo per Conte. Sembra infatti che i due ministri di Italia Viva, Teresa Bellanova e Elena Bonetti, abbiano dissentito in Consiglio dei Ministri, secondo quanto riporta il parlamentare Marco Di Maio, contro il decreto legge che blocca gli spostamenti tra le regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio e addirittura tra i comuni il 25, 26 dicembre e il primo gennaio. E così hanno fatto anche 25 senatori PD. E a questa incredibile imposizione, si aggiungono il coprifuoco fino alle 7 (non alle 5) per Capodanno e le chiusure di ristoranti e bar dalle 18 in poi. Tutto bene, tutto legittimo? Sembra di vivere sotto sequestro, sembra che gli italiani siano considerati irresponsabili da tenere sotto tutela. Mentre è il Governo che finora ha mostrato limiti, incapacità, ritardi ed errori. Intanto il Paese va a rotoli, l’economia è allo stremo e la blindatura natalizia darà un colpo mortale. Ma ai piani alti della politica e delle istituzioni sembra non importare un granchè. Il mantra ripetuto all’infinito da un palazzo all’altro è che questo esecutivo deve durare, costi quel che costi al Paese”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rocco

    La Lega è stata (brevemente) al governo nazionale, ad un passo da quello regionale e a vario livello territoriale è diventata il primo partito. Tuttavia i suoi esponenti – dalle sezioni comunali ai responsabili nazionali, invece di mostrare capacità politica e amministrativa dando conferma di equilibrio e comprensione dei temi e delle problematiche delle società, non perdono occasione per una sterile e inutile contrapposizione da “bastian contrario” con il solo risultato di far perdere consenso politico e far pentire chi ha dato fiducia e voto. Un poco di studio, umiltà, equilibrio e comprensione dei bisogni della società senza cadere in una visione banale e miope inseguendo slogan e politiche di altri, sarebbe opportuno per loro e per avere un’alternativa democratica e capace di governo.

  2. Scritto da Emanuele

    Rabbrividisco se penso che abbiamo rischiato di affrontare la pandemia con la lega (la minuscola non è un errore di battitura) al potere. Puro sciacallaggio di chi non vuole sapere o, molto più probabilmente, non sa cosa sta accadendo all’estero. Ciascuno è libero di fare dichiarazioni, anche vergognose, perché c’è una democrazia sudata dai nostri avi. E che certi personaggi, che sbraitano ai quattro venti richieste di finta democrazia in tempi di pandemia, vorrebbe invece nei fatti togliere (i famosi pieni poteri richiesti poco più di un anno fa dal solito ig-noto). Scandalosamente vergognoso.

  3. Scritto da batti

    anche stavolta non ci prendi. (tan ni bett in pet). non si capisce quale strategia avete sul covit,dite tutto e il contrario di tutto,e intanto la gente muore, muoiono anche i vostri sapete

  4. Scritto da Giovanni lo scettico

    Il gentile Morrone finge di non sapere che le misure di contenimento servono a fargli continuare a scrivere sciocchezze invece di crepare con un tubo infilato in gola.

  5. Scritto da Dario

    Morrone è raggelante e imbarazzante. Le sue polemiche continue, condivise anche dal suo partito, alimentano atteggiamenti di sfiducia nei confronti delle istituzioni. È proprio a Natale che va evitato un ‘via libera’ generale, per evitare di risollevare la curva dei contagi e a gennaio trovarci tutti in zona rossa. Dovrebbe saperlo anche come emiliano-romagnolo, ovvero di una regione che oscilla tra l’arancione e il giallo. Evidentemente però preferisce fare opposizione ‘a tutto tondo’ anche su tematiche sanitarie che stanno causando catastrofi mondiali.

  6. Scritto da Viola

    E quindi? Quali sarebbero le vostre proposte? Liberi tutti?Tutti insieme appassionatamente? “L’ irrealtà di questo esecutivo” come lei scrive mostra plasticamente, realmente, drasticamente ,che ieri in tutto il Paese abbiamo toccato quasi 1000 morti! Che a Ravenna ultimamente non scendiamo sotto i 100 contagi, ma anzi, siamo quasi ogni giorno al raddoppio, che purtroppo i morti crescono e che non è vero che “gli italiani sono consapevoli che non bisogna abbassare la guardia” no, non lo sono, intanto che ci saranno persone che fanno l’ occhiolino alle trasgressioni, che minimizzano ciò che sta succedendo, che fomentano e soffiano su situazioni che a tutti sono particolarmente difficili…ma vorrei ricordare che Parliamo di Morti! Persone! Nomi e cognomi! Vite! E tutto ciò che si chiede ora è di non peccare di ” lassismo”, un abbraccio mancato oggi, è, e sarà, un amore che durerà nel tempo domani! VIVI! Capisce? Queste “uscite” che fate, queste si, sono staccate dalla realtà, personalmente mi fanno apprezzare in questo momento una cosa sola: che al governo ci sono altri!