Quantcast

Ancisi (LpRa) critico su nuova sede in centro storico di Verdi e Accademia: è solo sede di rappresentanza, il vero affare è di Monte Paschi

Più informazioni su

Accademia di Belle Arti e Istituto musicale Verdi arrivano in centro storico, nuova sede in piazza Kennedy di oltre duemila metri quadrati. Letto come titolo di un comunicato dell’ufficio stampa del Comune è per lo meno ingannevole. – commenta Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna – Accademia e Verdi resteranno infatti a lungo nelle loro “vecchie” case: la prima, notoriamente fuori posto, disdicevole e scomoda, in via delle Industrie, in un contesto tutt’altro che bello e artistico; la seconda, anch’essa con problemi cronici, in via di Roma, quindi già in centro storico…. Quella nuova sarà solo la “sede di rappresentanza” delle due istituzioni, dove non saranno collocate le loro attività formative identitarie, lasciate dov’erano, bensì alcune attività in condivisione: la direzione amministrativa, alcuni insegnamenti comuni (inglese, informatica, ad esempio) e i servizi per il diritto allo studio, la promozione e l’orientamento, fruendo anche di un cortile interno di 460 metri quadrati. Certamente un passo in avanti, logicamente accettato con soddisfazione dagli istituti beneficiati, fino a prima maltrattati, rinviando però per almeno 12 anni l’ambizioso obiettivo, condiviso da maggioranza ed opposizione, di un vero unico Politecnico delle Arti in cui raccogliere interamente l’Accademia e il Verdi federati.”

Lista per Ravenna ha sempre ritenuto che “rispetto a tre sedi sparpagliate per due istituzioni, si dovessero dedicare da subito le energie politiche e le ingenti risorse di denaro di cui il Comune dispone largamente verso un Politecnico vero.” “Comprare un affitto è un modo facile per strappare applausi in campagna elettorale. Governare una città verso un futuro almeno prossimo è più impegnativo, di cui Ravenna ha però un enorme bisogno” commenta Ancisi.

Per il leader di LpRa l’affare maggiore l’ha fatto la banca Monte dei Paschi di Siena, la quale, “chiusa nel 2018 la filiale di piazza Kennedy angolo Garatoni, senza apparentemente sapere che farsene in un centro storico pieno di “affittasi”, è stata di lì a poco beneficiata dal Comune con un contratto di locazione di 12 anni, prorogabile di altri 6, al prezzo di 168 mila euro l’anno. Due o tre milioni in tutto, quanti ne servirebbero per un’opera in proprietà. Certo, c’è stata una gara pubblica, nella quale però non poteva correre nessun altro concorrente, essendosi richiesto, più unico che raro, un immobile “all’interno del Centro Storico del Capoluogo”, di almeno 1.500 metri quadrati, “disponibile immediatamente” e con “agevole fruibilità di aree parcheggio”.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batti

    esco dal argomento e mi infilo sulle quotidiane osservazioni di ancisi, ho usufruito della struttura vacinale al pala deandre, sarà cara, ma organizzazione perfetta spazi abbondanti personale perfetto tempi piu che ragionevoli. DENARI SPESI BENISSIMO, SE è CARO quando funziona non lo è mai

  2. Scritto da Alvaro Ancisi

    Certo, quando si paga con i soldi degli altri. Anche a Forlì, Rimini, ma potrei dire Faenza, Bellaria, Cattolica e tante altre città, il servizio viene svolto con pari rispetto delle regole e funzionalità, costando enormemente di meno e nel caso di alcuni Comuni, che hanno offerto propri ampi spazi, gratis. Quotidiani commenti come questi bisognerebbe farli quando si paga di tasca propria un servizio che ne costa almeno la metà. Per non dire che quando si spendono soldi di tutti bisogna anche seguire delle leggi.

  3. Scritto da batti

    le parole stanno a zero, se cose funzionano, non si critica. punto. anche perchè non capita spesso che capita. siamo abituati a spendere male o sprecare. il resto sono chiacchiere