Quantcast

Morrone (Lega): bene il rifiuto di Zattini a Forlì, Bonaccini s’inventa la Romagna arancione scuro ma ha fallito

Più informazioni su

È polemica sulla situazione sanitaria in Romagna. E la Lega ancora una volta contesta la linea della prudenza seguita dalla Regione e dalla maggioranza dei Comuni. Non tutti, perché nel Forlivese Zattini si è opposto. Sulla Romagna “arancione scuro” Jacopo Morrone leader della Lega Romagna attacca a muso duro Bonaccini, difende il suo Sindaco di Forlì Zattini che ha detto no, ma sorvola sulle riunioni frenetiche che si sono tenute nella giornata di ieri fra Sindaci, Asl Romagna e Regione per valutare la situazione e prendere le decisioni che poi sono arrivate fra ieri sera e questa mattina. Morrone contesta la mancanza di dati certi, ma è l’ASL Romagna con il DG Tiziano Carradori che parla di variante inglese al galoppo – soprattutto fra i giovani – con punte dell’80% in alcuni comuni del Ravennate e del Riminese.

“Appoggio totalmente il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini che si è opposto alla decisione di Stefano Bonaccini di inasprire le misure ‘chiusuriste’ inventandosi l’area arancione scuro. Un escamotage per lanciare un ulteriore messaggio negativo alla popolazione senza pagare dazio. – dichiara Morrone – Bonaccini ha cambiato ancora una volta idea in pochi giorni, dall’apertura serale dei ristoranti, dichiarata inseguendo Matteo Salvini, si è trasformato in un oltranzista delle chiusure, senza tuttavia basarsi su dati accertati, ma su possibili rischi e timori. Da chi è arrivato il suggerimento? Faccia nomi e cognomi, spieghi i motivi reali di questo provvedimento incomprensibile e diffonda numeri possibilmente verificabili della situazione.”

“Credo che sia ormai chiaro che il buon governo dell’Emilia-Romagna è un bluff. Siamo in coprifuoco da ottobre, confinati nei comuni di residenza, l’economia è allo sfascio. Se oggi ci troviamo davvero nella situazione paventata da Bonaccini allora significa che è stato sbagliato tutto fin dall’inizio. Se i vaccini non ci sono la responsabilità è interamente dell’incapacità del Governo Conte bis. Chi ha sbagliato deve assumersene la responsabilità. Noi della Lega siamo per la sicurezza e la tutela dei nostri concittadini, ma non possiamo consentire che per ragioni confuse e poco chiare si imponga un nuovo giro di vite che esaspererà ancora di più aziende, attività, lavoratori e una comunità ormai stanca di proibizioni e limitazioni della libertà senza ragioni concrete” conclude la nota del parlamentare Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Wainer

    Sì, questa volta ha fallito il piedino.
    Si inventano la zona arancione scuro per non pagare i ristori.
    Dopo un anno siamo nella m….a, doppio fallimento.

  2. Scritto da Grazia

    Attaccati a qualunque cosa per il consenso. Mi fate ribrezzo e tenerezza.

  3. Scritto da Emanuele

    Mai coglie l’occasione per tacere. Certe affermazioni sono incommensurabili e irresponsabili.

  4. Scritto da Emanuele

    Vada a farsi un giro negli ospedali e capirebbe perché … e forse qualcuno dovrebbe ricordargli di leggere qualche giornale: scoprirebbe che ci sono varianti più aggressive.

  5. Scritto da Lupen

    49 milioni persi ricordiamocelo

  6. Scritto da batti

    sig” wainer intanto l arancione scuro è invenzione lombarda” si vede che non piaceva il rosso”si bonaccini ha sparato due cazzate una quando ha inseguito quel sergente di salvini sui ristoranti e poi sui colori. marrone è anche lui di quelli che giocano la schedina il lunedì,siete un po tutti come fontana,voi al governo vi fate mangiare anche l asso di briscola

  7. Scritto da b

    va la forlivesi è meglio che state attenti se il sindaco e marrone sono fuori come balconi.state attenti da soli che qui c è di lasciargli le penne. questi domani quando siamo nella mer.a ti rispondano che te l avevano detto

  8. Scritto da Dario

    Infatti i dati certi e i rischi evidenti ed oggettivi potevano giustificare addirittura la zona rossa. La zona arancione scuro permette comunque a certe attività di non chiudere totalmente i battenti. Facile dare la colpa agli altri. Guidati dal suo partito di destra, la situazione sarebbe stata disastrosa.

  9. Scritto da Piemme

    Per fortuna che il nostro Presidente di Regione è Stefano Bonacini, non oso pensare se non fosse così, almeno le qualche ca….ta che ha sparato (aprire per più tempo i locali.. ) è farina del suo sacco (la Vostra candidata ha fatto tutti i comizi con il suggeritore). Questo volere fare il contrario per non dare ragione a chi non è della Lega secondo me non può portare da nessuna parte , anzi…Basta…. tutte le volte con queste prese di posizione per far campagna elettorale è una mancanza di rispetto per i morti che la nostra regione è l’Italia intera ha contato.

  10. Scritto da Claudio

    Speriamo che non debba cambiare idea in pochi giorni, il sindaco di Forlì

  11. Scritto da marco

    ma con 49 milioni…sai te quanti ristori si potrebbero pagare?
    Però, scherzi a parte, in Emilia-Romagna dovremmo comunque guardare cosa fanno le regioni gestite dalla Lega in materia di sanità, chessò…tipo la Lombardia dove seguono il diktat di banderuosalvini

  12. Scritto da b

    sbagli LUPEN,non sono 49 milioni persi, ma diversamente ristori per loro