Quantcast

Ravenna, Morrone e Ferrero incontrano Donati per avviare cantiere della coalizione di centrodestra. Ma Ancarani e Ancisi non ci sono

Più informazioni su

Il rebus del centrodestra ravennate si complica. Oggi era annunciato un incontro che avrebbe dovuto chiarire alcune cose con l’albergatore Filippo Donati, la cui candidatura è stata avanzata direttamente dal segretario della Lega romagnola Jacopo Morrone e sponsorizzata dai due partiti maggiori della coalizione (Lega e Fratelli d’Italia) mentre è osteggiata apertamente da Forza Italia. L’incontro è slittato a domani. Ma non ci sarà tutto il centrodestra né ci sarà tutta la coalizione del 2016 a colloquio con Donati. Perché Alberto Ancarani insiste nel suo deciso no e lo ha ribadito oggi 9 aprile in un incontro faccia a faccia a Roma, negli uffici parlamentari, con l’on. Morrone. Nemmeno Alvaro Ancisi sarà della partita perché ha già detto che lui si siederà solo al tavolo di un candidato unitario: dunque, prima si mettessero d’accordo gli altri su cosa vogliono fare. E allora chi ci sarà? Ancora una volta Morrone e Ferrero con il mandato di Lega e Fratelli d’Italia e con il supporto di Massimiliano Alberghini, il candidato del 2016. Non è poco. Ma naturalmente non è abbastanza per un civico che unisca il centrodestra. E forse non è abbastanza nemmeno per lo stesso Filippo Donati. Ma staremo a vedere gli esiti di questo che sembra a tutti gli effetti un braccio di ferro nel quale prima o poi qualcuno dovrà cedere.

“Domani con Filippo Donati ci vediamo – conferma l’on. Morrone al telefono – per mettere in piedi un cantiere del centrodestra e di forze civiche per le prossime amministrative di Ravenna. Non è detto che sia Donati il nostro candidato, io l’ho sondato, lui si è reso disponibile a fare un percorso con noi. Per me Donati è una personalità importante di Ravenna, è un nome forte e spendibile. Ci può consentire di sfondare anche nell’elettorato di centrosinistra.”

Come la mettiamo con Forza Italia e con Alberto Ancarani che non ne vogliono sapere?

“Io dico che bisogna dare inizio al percorso della campagna elettorale: non possiamo restare fermi fino al giorno della presentazione delle liste. Perciò io voglio mettere in piedi questo cantiere con le forze politiche e con forze civiche. Non so cosa voglia fare Forza Italia e ho già detto ad Ancarani che cosa penso delle sue posizioni, sulle quali non sono d’accordo. Credo dovrebbe rendersi conto anche del peso che ha oggi nella coalizione a Ravenna. Io come segretario del maggiore partito del centrodestra non ci sto a consegnare Ravenna a de Pascale e al Pd. Voglio provare a vincere e a mettere in campo il candidato e lo schieramento migliore. Non chiudo nessuna porta, nemmeno alle aspirazioni di Ancarani che sono legittime. Ma l’importante è che questo percorso lo avviamo e che facciamo la scelta migliore per vincere.”

Andrete avanti anche senza Forza Italia, nel caso?

“Bisogna dare una sferzata e muoversi. Ripeto, non ci sto ad aspettare il giorno d’inizio della campagna elettorale con le mani in mano. Spero che Forza Italia chiarisca cosa vuol fare al più presto.”

Oltre a lei e a Ferrero quali saranno i civici domani a confronto con Donati?

“Per ora solo noi. I civici entreranno in campo successivamente. Adesso avviamo il cantiere.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Umberto

    Era ora! Forse senza Ancarani e Ancisi ora Ravenna avrà un’alternativa al solito PD. Avanti così!

  2. Scritto da Aldo

    La solita destra spaccata a Ravenna, purtroppo.

  3. Scritto da mm

    ma siii… basta con queste cariatidi.
    andate avanti cosi. via Ancisi e via Berlusconi.
    Conta la coalizione più che il candidato, e’ ora di capirlo.
    Se riuscite io vi voto

  4. Scritto da Stefania

    Ma scusate non vi siete accordati sul nome di Patuelli!
    Ho capito male?

  5. Scritto da mm

    Patuelli?
    Speriamo proprio di no
    Se ci avevano pensato meno male che si sono rinsaviti.
    Ci manca solo un banchiere sindaco poi a Ravenna le abbiamo viste tutte.
    Lasciatele al PD e a Renzi le banche :-))
    Loro sono abituati , Babbo Renzi, Monte dei Paschi, Verdini, Babbo Boschi, Lotti…
    Poi non ho mai capito una cosa.. come mai Lotti , delfino di Renzi da decenni, e’ rimasto nel PD e non e’ andato con Renzi? Qualcuno me lo puo spiegare.. perché per me e’ moooolto strano.