Marco Rizzo presenta Lorenzo Ferri, candidato sindaco per il Partito Comunista a Ravenna

Ieri, 26 giugno, è cominciata ufficialmente la campagna elettorale per il Partito Comunista a Ravenna, con Lorenzo Ferri, 19 anni, studente e candidato sindaco di Ravenna per il Partico Comunista.
“I nostri temi sono i temi dei lavoratori, delle case popolari, della lotta alle privatizzazioni dei servizi pubblici, della redistribuzione della ricchezza, per fare pagare la crisi a chi ha fatto profitto in questi anni sulla pelle dei lavoratori, nonostante il Covid-19 e tagliando i costi per la sicurezza sul lavoro” dice il PC.

“I nostri temi sono quelli per una scuola e per una sanità pubblica, contrastando le privatizzazioni o esternalizzazione selvagge di servizi volute dal PD in nome del profitto di pochi, utilizzando la formula delle Cooperative, guidate da amici della classe politica che sfruttano i lavoratori in cambio di voti alle elezioni” continua il PC Ravenna tramite nota stampa che prosegue “I nostri temi sono quelli del sociale, di una riqualificazione vera dei quartieri popolari di Ravenna, partendo dalla Darsena, espropriando i terreni e gli stabili privati ai proprietari privati per ridare alla comunità una spazio che gli appartiene, sempre avendo presente l’interesse pubblico. Non pensiamo ad un ambiente in cui predomina il profitto privato, bensì aree verdi, biblioteche, centri culturali, aree giochi per i bambini, aree adibiti a pub/ristoro date in gestione a giovani.”

“I nostri temi sono quelli dello sport popolare, non agonistico e che promuova uno stile di vita sano. Investimenti e agevolazioni non andranno ai privati o ai grandi club, ma a associazioni sportive che promuovano gli sport per i giovani, a iniziative di sport popolare e gratuito, per gli studenti – come i Giochi della Gioventù – e per tutti i cittadini che amano il movimento fisico. Promuoveremo un weekend dello sport Popolare, gratuito e aperto a tutti, in nome della socialità e di uno stile di vita sano. Il Partito Comunista è il partito dei lavoratori, che difende gli interessi della classe lavoratrice e promuove una politica contro il profitto privato e a favore dell’interesse comune. A Ravenna ripartiamo da qui. – conclude la nota – Per una rinascita del Partito Comunista, del partito dei lavoratori, unica vera forza di opposizione capace di opporsi alle politiche disastrose neoliberiste del Partito Democratico di De Pascale, il partito della ZTL, del grande capitale, della Confindustria romagnola, difensore integerrimo degli interessi e del profitto privati, a scapito dei lavoratori e dei servizi per la collettività”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nautilus

    Alcuni ragazzini (pure mio nipote) si appassionano alla vicenda dei dinosauri, magari complice le saghe cinematografiche alla “Jurassic Park”. Dinosauro Rizzo ne ha trovato uno in Romagna per i rari nostalgici (quelli rimasti indenni dalla pandemia) di falce e martello.

  2. Scritto da Lucio

    Saranno dinosauri e saranno nostalgici, ma non le mandano a dire: la chiosa della nota dice pane al pane e vino al vino, oltre le ipocrisie perbeniste di certuni.

    L’attenzione nei confronti di tutti sarà utopistico, ma sicuramente meno velleitario delle politiche dei colletti bianchi, dei circoli elitari di parvenu arricchiti, dei globalizzatori senza se e senza ma (con tanti forse e però).

    Alle volte è meglio sognare, anziché metter fiori alla finestra della propria cella.

  3. Scritto da batti

    nautilus,se milioni di italiani seguano la meloni, guidata come una playstation, da un fossile come larussa, lascia sognare anche questo ragazzo

  4. Scritto da Piemme

    Per giungere alle qualità degli ultimi due sindaci che hanno governato Ravenna ci vuole molto poco, quindi secondo me vale la pena di provarlo….. Peggio di così sarà difficile.

  5. Scritto da nautilus

    @batti: a differenza del giovanotto sponsorizzato da dinosauro Rizzo, la Meloni possiede personalità a sufficienza per non lasciarsi teleguidare da altri (chiaro che non mi piace, ma questo è un altro discorso).

  6. Scritto da Piemme

    Nautilus scusa se mi permetto ma la Meloni è la rana dalla bocca larga che sa bene cosa dire per fare colpo, prova a verificare la partecipazione al governo di Roma nella giunta Alemanno…..

  7. Scritto da digi

    Non questione di utopia, e’ questione di ribaltare le priorita’ di spesa di un comune, oltre che ha mettere in discussione le gabbie Europee. La prima priorita’ di spesa deve essere quella per la collettivita’, e non per gli interessi privati. Guardate lo scempio che e’ stato fatto del mercato coperto, privatizzato e dato in mano a gruppi privati, che sfruttano una decina di lavoratori in un supermercato alla portata di pochissimi.

    La Meloni abbaia all’europa da lontano, facendo vedere i denti, ma quando si avvicinano a lei, scodinzola mansueta, perche’ riconosce il padrone. La Destra fascista fa gli interessi della classe capitalista, non dei lavoratori. Esattamente come la sinistra liberista del Partito di De Pascale.

    Dunque, complimenti a questo ragazzo e alla nuova visione che porta della societa’.