Quantcast

Porto di Cervia. Tutte le idee della Lista civica Cervia Domani – PRI per valorizzare l’area

Più informazioni su

“Il comparto del porto canale ha visto in questi ultimi anni una serie di importanti opere di riqualificazione con una particolare attenzione alla valorizzazione sotto l’aspetto turistico”. Esordisce così la Lista civica Cervia Domani – PRI nel commentare l’attuale situazione inerente l’area del Porto di Cervia, elencando poi attraverso nota stampa tutte le proprie idee per valorizzare il sito: “Sul lato Cervia sono state rifatte le banchine ed è stato sistemato il comparto del Borgo marina con un’ importante progetto di riqualificazione. Anche lo spazio attorno al Faro è stato riqualificato rendendo fruibile questo luogo.

La darsena comunale (Marina di Cervia) dopo tanti anni è ritornata nella disponibilità dell’amministrazione comunale che ha già, tramite bando pubblico, riassegnato la gestione con l’impegno di effettuare i lavori necessari per renderla il più possibile funzionale. Anche il comparto del magazzino del sale e la darsena piccola stanno vedendo un’ importante lavoro di riqualificazione che a tempi brevi dovrebbe essere completato. Recentemente sono state sostituite le porte Vinciane, andando in quella giusta direzione di messa in sicurezza del territorio. Oltre a tutte queste importanti opere di riqualificazione è giunto il momento di dare un’ulteriore risposta sotto l’ aspetto della nautica e delle attività ad essa connessa e della sicurezza.

Occorre attivarsi per dare una soluzione definitiva al perenne problema dell’insabbiamento del porto per garantirne l’ accesso e la navigabilità (una opzione è l’allungamento dei moli).
Anche per la banchina lato Milano Marittima si avverte la necessità di un’ intervento per metterla in sicurezza e dotarla dei servizi primari, acqua ed energia elettrica. Occorre tenere conto del fenomeno dell’ abbassamento del suolo per fare un’ intervento che sia utile per il porto e per difendere la città dai possibili fenomeni di esondazione. Con il progetto di riqualificazione del magazzino darsena si viene a creare un problema per le piccole imbarcazioni che attualmente trovano posto nella darsena antistante in quanto detto progetto prevede un’ utilizzo diverso di quello spazio.

Per ovviare a questo problema si potrebbe pensare di utilizzare tutta l’ asta del porto canale che va dal ponte Cavour fino al ponte dell’Ospedale.
Le banchine sono state realizzate di recente e quindi con piccoli interventi potrebbero essere idonee per essere utilizzate per l’ attracco delle barche e per dare quei servizi minimi necessari come la fornitura dell’ acqua e della corrente elettrica. Occorrerebbe, per potere permettere il passaggio delle barche, intervenire sul ponte Cavour in modo da consentirne la navigabilità. Considerato il canone di ormeggio che le barche pagano sarebbe possibile in tempi brevi dare risposte positive anche ai nostri diportisti cervesi. Ricordiamo che questo settore è composto in larga parte da utenti cittadini cervesi, parecchi dei quale hanno dovuto portare la propria imbarcazione in altre località. Detti utenti vedrebbero sicuramente di buon occhio la possibilità di potere ormeggiare la propria barca a Cervia.

La sistemazione della prima parte del parcheggio del piazzale Artusi potrebbe essere una valida soluzione per i diportisti che potrebbero parcheggiare e poi raggiungere la propria imbarcazione con pochi passi. Favorire l’ ormeggio di un consistente numero di barche potrebbe essere da traino per attività artigianali di assistenza e manutenzione che potrebbero, oltre a dare un servizio sul territorio, creare delle nuove importanti occasioni di lavoro. Anche l’area ex Sestante, ora in gestione alla Cooperativa “La Fenice” per la lavorazione delle cozze, dovrebbe essere ottimizzata, come spazi sia a terra che in acqua durante i tempi morti dell’attività di mitilicoltura per attività diportistiche.
Una particolare attenzione dovrà essere riservata alle attività cantieristiche presenti sul territorio che da anni danno un valido servizio oltre a rappresentare un’ importante occasione di lavoro annuale.

La cantieristica è un fiore nell’ occhiello per Cervia, Cantiere De Cesari, Servimar. (Mi preme ricordare che a bordo della nave più bella del mondo l’Amerigo Vespucci, le scialuppe sono state costruite dal Cantiere De Cesari) Serve trovare con questo importante settore dell’ economia cervese un migliore rapporto di collaborazione perché l’ indotto che genera e che può generare ,sia a livello occupazionale sia a livello di immagine, è molto importante. Occorre avviare una riflessione poi per potere trovare una soluzione che permetta il trasporto di barche di grandi dimensioni, i cd carichi eccezionali, che con i principali accessi a Cervia legati alla ferrovia creano grosse difficoltà a questo tipo di trasporto via terra. Come forza politica abbiamo sempre sostenuto la necessità di avere una grande attenzione alle attività legate al porto e alla cantieristica, cercando di trovare un giusto equilibrio per le attività legate al turismo e le attività legate alla nautica e ai relativi servizi.

Occorre dotarsi di validi progetti per la ricerca di finanziamenti a tutti i livelli per cercare di realizzare e/o completare gli interventi sopra descritti. Sarebbe molto utile a nostro avviso avviare un confronto in particolare con le associazioni di categoria interessate e con gli utenti, al fine di trovare con equilibrio fra le varie esigenze risposte il più possibile condivise”.

Più informazioni su