Crisi afghana, Presidente Regione Bonaccini e assessore Schlein: “Bene disponibilità Sindaci ad accogliere i profughi”

L’Emilia-Romagna a fianco del popolo afghano, pronta a fornire soccorso innanzi tutto alle donne, ai bambini, alle persone più fragili.

“In queste ore drammatiche già molti Sindaci di questa regione, e non solo di una parte politica, hanno dato la loro disponibilità ad accogliere i profughi e quanti riusciranno a lasciare l’Afghanistan- sottolineano il presidente della Regione Stefano Bonaccini e la vicepresidente e assessora al Welfare Elly Schlein-, dando prova di quella umanità e di quel senso civico che da sempre contraddistinguono questo territorio. Anche la Regione sta seguendo con attenzione l’evolversi della situazione ed è pronta a fare la propria parte, in raccordo con il Governo e i territori, per garantire un‘azione che sia il più possibile coordinata ed efficace. Il nostro pensiero va innanzi tutto alle donne, ma anche ai bambini e a quanti in queste ore drammatiche si trovano in una condizione di maggiore fragilità”.

Secondo Bonaccini e Schlein è urgente ora “attivare corridoi umanitari e aiuti alla popolazione, ma allo stesso tempo sarà necessario compiere una riflessione approfondita su quello che è successo, e sul ruolo della politica. E’ una responsabilità che ci chiama in causa tutti come Occidente e come Europa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Elisa

    E’ successo che non si puo’ esportare la democrazia. La liberta’ va voluta e concquistata prima di tutto nel modo di pensare e’ un percorso personale che deve fare I conti con l’educazione ricevuta e la RELIGIONE che controlla il cervello delle persone. Finche’ non decideranno di liberarsi di questi retaggi non cambiera’ nulla potevano stare in Afghanistan altri 20 anni non cambiava nulla. Sono una minoranza quelli che vogliono la democrazia gli altri la maggioranza vuole la legge islamica la donna sottomessa e non approva lo stile di vita Occidentale. Nessun popolo arabo approva lo stile di vita Occidentale.

  2. Scritto da Wainer

    Brava Elisa! È inutile che noi occidentali protestiamo, facciamo (inutili) manifestazioni, ecc….se il cambiamento non parte da loro, noi non potremo mai farci nulla.

  3. Scritto da Italo

    Concordo con Elisa…talebani o no..nessuno di loro approva la concessione di liberta’ alle donne!!