Quantcast

Ancisi (LpRa e Lista del Mare) denuncia: l’Area Camper di via del Marchesato è morta, la morte era annunciata

Più informazioni su

A proposito dell’area camper di Marina di Ravenna, aperta in fretta e furia in agosto e costata migliaia di euro, Alvaro Ancisi denuncia il totale fallimento, con una nota molto dura accompagna da alcune foto che mostrano l’area deserta, poco o nulla utilizzata, essendo in una posizione inadeguata alle esigenze dei camperisti.

“Il 14 giugno scorso Lista per Ravenna si oppose per prima alla dichiarazione di guerra lanciata da due assessori del Comune di Ravenna contro i camperisti che sostavano nelle aree di parcheggio non dotate come prevede la legge regionale 16/04 di pozzetti di scarico autopulente, erogatori di acqua potabile, contenitori per la raccolta differenziata di rifiuti, servizi igienici attrezzati. Sui lidi ravennati, specialmente a Marina di Ravenna, si abbattè una bufera di multe da 150 euro, con provvedimento di allontanamento dei multati per 48 ore. Tutto ciò, nonostante il Codice della Strada, art. 185, consenta ad ogni camper di parcheggiare, in Italia, nelle aree di sosta degli autoveicoli quando non poggia sul suolo salvo che con le ruote, non emette deflussi propri, salvo quelli del propulsore meccanico, e non occupa comunque la sede stradale in misura eccedente l’ingombro dell’autoveicolo medesimo. È stata applicata allo scopo una norma molto discutibile del nuovo regolamento comunale di Polizia urbana, andando anche oltre le sue stesse prescrizioni. Facemmo allora rilevare che aree camper attrezzate d’uso pubblico, anche a pagamento, non esistevano nei nove lidi ravennati, se non a Porto Corsini, Casal Borsetti e Lido di Savio, esclusi dunque anche i paesi maggiori, come Marina di Ravenna, Punta Marina e Lido Adriano. Il caso assunse dimensioni nazionali, sollevando reazioni sdegnate nel camperismo dell’intero paese.” Così nella nota di Alvaro Ancisi a nome di Lista per Ravenna e Lista del Mare.

Area Camper Marchesato

“Il paradosso apparve evidente. In sei località del litorale i camper potevano arrivare e girare, ma non sostare su area pubblica, addirittura contro l’art. 16 della Costituzione. Parve urgente al sindaco in carica, in attesa di nuove elezioni il 3 ottobre, di risolvere subito almeno il problema di Marina di Ravenna, capoluogo dell’Area del Mare, su cui la tempesta aveva più infuriato. Il 17 giugno diede così l’annuncio di un’area camper pubblica in questa località, che sarebbe sorta in via del Marchesato a metà luglio, dotata di 51 stalli di sosta, per un massimo – chissà perché – di tre giorni. Gratuita solo fino a tutto il 2021, anche perché dotata di pali della luce e fornita di scarico delle acque nere e di carico delle acque bianche, ma di nessun allaccio all’acqua e (più necessario) all’elettricità, parve frutto della più totale improvvisazione. – continua Ancisi – È stato infatti definito un progetto temporaneo, in attesa, per essere eventualmente definitivo, del necessario intervento urbanistico, possibile non prima del 2022. In realtà non c’è stato neanche un progetto, ma una semplice relazione tecnica descrittiva delle poche lavorazioni da farsi e della stima dei costi, i quali, aggiungendo l’IVA, hanno superato nettamente i 30 mila euro, senza tener conto dei consumi e dell’incarico, dato ad Azimut, di gestire gli ingressi e le uscite dei camper.”

“Che la fretta faccia i gattini ciechi lo si capì quando si dovette aspettare il 14 agosto, a stagione balneare ormai avviata al declino, perché l’area camper fosse aperta. Che non potesse avere successo è stato largamente previsto. Lontana due chilometri dal molo pescherecci e circa uno e mezzo dalla spiaggia, distante anche dal centro del paese coi suoi servizi commerciali (ristoranti, supermercati, negozi), isolata ai confini dall’abitato, senza un servizio di sorveglianza, quindi con problemi di sicurezza, non appariva affatto a misura dei camperisti. E in effetti, poco o niente utilizzata, come ci è stato ampiamente testimoniato, è risultata un clamoroso fallimento. Le prime due foto, fornite da Maurizio Marendon, nostro responsabile della comunicazione, scattate il 12 ottobre, la mostrano addirittura deserta, ma non perché i camperisti abbiano abbandonato l’ingrata (non per sua colpa) Marina di Ravenna. Giacché le successive due foto mostrano un gran numero di camper parcheggiati altrove nel paese stesso” insiste Ancisi.

“Chiaro che l’area camper di via del Marchesato è morta. Che i soldi pubblici impiegati per raffazzonarla sono stati spesi male. Che ora si dovrà provvedere, come scritto nel programma di Lista per Ravenna e della Lista del Mare, affinché tutti i nove lidi dispongano di una struttura pubblica attrezzata, secondo norma, come area camper, a distanza breve dal litorale. A Marina di Ravenna, dovrà essere ripreso in esame, benché finora scartato, l’ex vivaio della Forestale in via Ciro Menotti, che noi giudichiamo ideale. In subordine, l’area ex Rana in zona traghetto, strategica per i servizi, meno per il mare, tanto piccola da ospitare solo una quindicina di mezzi, è però utile per differenziare l’offerta, con punto luce ad ogni piazzola, punti acqua più numerosi e un camper service con accesso migliore rispetto a quello infelice di via del Marchesato, ormai ex. A distanza di pochi chilometri, non si può ulteriormente prescindere da un’area camper con servizi a Punta Marina Terme, perché anche in questa località sono stati spesi soldi pubblici per un camper service mai entrato in uso, ed ora vandalizzato e pericoloso.” Questa la conclusione di Alvaro Ancisi.

Camper Marina di Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Renato

    Sig. Ancisi,se da doppia cifra ha dimezzato i voti un perché ci sara,oggi il parcheggio camper era vuoto anche quello di parco teodorico,vada a controllare la prossima estate non ora.Le do un suggerimento segnali un problema,lo faccia risolvere poi dia l’informazione,non ogni giorno segnalazioni a volte forse senza controllarle,che per vari motivi non possono essere risolte celermente, vedrà che secondo me avrà più successo. saluti

  2. Scritto da Alvaro Ancisi

    Sig. Renato, non ho bisogno di consigli politici interessati. Dico cose che ritengo giuste e doverose. So che do fastidio a persone come Lei, che hanno le loro ragioni per tenersi anonime, e non sapendo cosa e come ribattere la buttano in sproloquio politico. Mostri la faccia e La seguo anche su questo piano. Do segnalazioni senza controllarle? Dica quali. Sono quello che più le controlla. Pubblico documenti, fotografie, testimonianze come nessuno fa, anche se i giornali possono pubblicarli solo in parte. I Suoi benemeriti hanno avuto decenni per fare l’area camper a Marina di Ravenna e ne fanno invece una finta. Dovrei star zitto per avere più voti? Non credo che sia così, ma se lo fosse me ne guarderei bene. Giro a testa alta di fronte a tutti i politici che vanno bene a Lei, e magari hanno solo i voti. Questo mi interessa di più.

  3. Scritto da Giancarlo

    Il primo impulso era quello di scrivere : ma pensavate veramente che noi camperisti avremmo lasciato il nostro veicolo ricreazionale in un posto come questo? Poi mi sono detto : ma chi ha avuto questa brillante idea è stato obbligato a scegliere questo campo con vista industrie ciminiere e puzza incorporata ? Poi,ma è stato interpellato qualche camperista per avere indicazioni? Ma non siete neanche capaci di copiare con tutte le bellissime aree sosta che ci sono sul litorale italiano fino a Santa Maria di Leuca.? Ne avrei così tante da dire che….taccio!