Quantcast

Ravenna. L’area del Tiro a Segno di via Trieste diventa proprietà pubblica: il Comune protagonista della riqualificazione

La Giunta Comunale ha sottoposto all’esame del Consiglio Comunale la proposta di deliberazione riguardante l’attribuzione a titolo non oneroso del compendio demaniale del Poligono di Tiro a Segno di via Trieste a Ravenna allo scopo di definire l’uso pubblico del bene, sia in continuità con la funzione culturale, sia in attuazione delle previsioni urbanistiche di riqualificazione e rigenerazione urbana del comparto.

“La delibera dell’acquisizione a patrimonio comunale di una parte della porzione di area del Tiro a Segno su via Trieste al Comune di Ravenna – ha commentato il capogruppo del PD Massimo Cameliani – è un atto molto rilevante.

Grazie al federalismo demaniale stabilito dalla legge, il Comune può acquisire a titolo gratuito un bene di proprietà del demanio. Così il Comune di Ravenna potrà venire in possesso dell’area che è composta da due corpi: la parte storica sulla banchina della darsena e la parte moderna di via Trieste.

Per il momento abbiamo ottenuto la proprietà della parte di via Trieste che era in uso all’associazione dilettantistica di Tiro a Segno. Questo primo atto dovrebbe portarci ad acquisire a breve anche l’altra parte che si affaccia sulla banchina è ciò ci permetterà di poter definire meglio l’uso pubblico del bene nella sua totalità. Il Comune avrà così la proprietà pubblica di questo terreno, in una zona così strategica come la darsena di città dove ci sono quasi solo edifici privati.

Questo è molto importante – ha concluso Cameliani – affinché l’amministrazione possa essere, negli anni futuri, protagonista della riqualificazione di uno spazio che ha una funzione sia sportiva, nella parte moderna, che storica per l’altra parte.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.