Quantcast

Viva Ravenna su viabilità via San Mama: “misurare l’intensità del traffico per poi valutare le alternative”

Nicola Grandi e Filippo Donati, capogruppo e consigliere comunale di Viva Ravenna, intervengono in merito alla modifica della viabilità che sta interessando Via San Mama-Via Ravegnana.

“Mentre nessun dubbio può essere sollevato sulla bontà della scelta di realizzare una pista ciclabile in via San Mama, peraltro fortemente richiesta da centinaia di cittadini anche attraverso una petizione, occorre ammettere che l’intervento che ha interessato l’intera area ha portato ad una modifica del traffico che non può considerarsi temporanea” dichiarano Donati e Grandi.

“Le situazioni di intasamento, la creazione di file e l’impossibilità di accedere di nuovo al borgo in caso di necessità se non dopo aver percorso oltre due chilometri hanno creato una condizione che, oltre ad avere un impatto non banale sulla qualità dell’aria, se per i residenti è di disagio per gli operatori economici rischia di diventare letale” proseguono.

“Noi di Viva Ravenna, come nel nostro stile, senza intenzione di alimentare inutilmente polemiche facciamo sulla questione una chiara proposta di buon senso: gli uffici installino da subito strumenti di monitoraggio che siano in grado di misurare l’intensità del traffico (come accaduto, solo per fare un esempio, nella zona di via Stradone dopo la creazione del senso unico) specie negli orari di punta. A quel punto, dati alla mano, quando sarà chiaro che le proteste non rappresentano solo un capriccio di qualcuno, ci si sieda ad un tavolo, in cui devono essere invitati rappresenti economici ma deve sedersi anche la politica e si discuta sui numeri, valutando le alternative a cui i tecnici avranno nel frattempo eventualmente pensato. Tutto il resto appartiene ai mondi della polemica sterile da un lato e all’autoreferenzialita’ dall’altro che abbiamo deciso di combattere fermamente e con cui non vogliamo avere nulla a che fare” concludono Grandi e Donati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuele

    Okay no polemiche, ma si poteva evitare se gli uffici facessero il loro mestiere con senso di responsabilità e professionalità

  2. Scritto da batti

    ma chi ha voluto tutto questo?sono decenni che leggo richieste dall consigliere attento.se levate le auto il borgo muore, è logico.se lasciate le auto creano traffico. il traffico fa smog, provate ha fare vivere il borgo con i ciclisti!già la pista ciclabile ha portato posti auto. mi sa che “la cantina piena e la moglie ubriaca”non si può avere, il borgo è morto chiuderanno tutti

  3. Scritto da fra

    Non serve misurare. Tutte le mattine è caos con fila interminabile fino alla rotonda. Rimettete il senso di marcia con la possibilità di tornare verso borgo san rocco o verso via bassano del grappa dalla metà di via san mama. il resto sono eresie senza senso che aumentano l’inquinamento.

  4. Scritto da Roby

    Fino ad ora l’unico risultato ottenuto è più traffico, più file, più inquinamento e più chilometri da percorrere per raggiungere il Borgo san Rocco: diciamo un successo su tutta la linea!

  5. Scritto da leo

    quanti soldi buttati via per niente- adesso i signori responsabili del comune che
    penso abbiano fatto prima uno studio di fattibilità diano nomi e cognomi

  6. Scritto da paola

    Lavori osceni e pericolosi, strade cruciali bloccate e pavimentazioni mai terminate da mesi ,vedi davanti Enoteca Bastione per cui bisogna andare in mezzo alla strada a piedi per travalicare una inutile isola pedonale interrotta da un tubo rosso , marciapiedi come piazze e strade ridotte all’osso , giro del mondo per ritornare nel Borgo da via S.Mama per strada chiusa e non si capisce neanche dove si dovrebbe passare per non fare 10 km di fila ;
    e ci si lamenta che i negozi non vendono?? così si fanno chiudere !!!!mentre invece sono i negozi abituali di tutti gli abitanti e non, negozi di vicinato.
    non c’è niente da vedere dopo, purtroppo si vede già tutto e da tempo. Ribadisco uno scempio autorizzato , una vergogna , una vera schifezza .a discapito dei soliti che pagano per tutti

  7. Scritto da batti

    leo,il consigliere attento alle proteste dei residenti sono decenni che spinge. adesso è soddisfatto?non siete soddisfatti, pazienza

  8. Scritto da batti

    in via san mama avranno stretto la careggiata per fare la pista ciclabile,ma che un ciclista la usi,no tutti in mezzo alle auto