Quantcast

Fagnani e Sirri (Italia Viva): “Auspichiamo immediato aumento della produzione di gas Italiano”

“Il prezzo del gas metano in Italia, pur essendo regolamentato, non può fare a meno di rapportarsi con i prezzi di mercato di un bene che proviene per il 95% dall’estero e che ha subito di fatto nel corso degli ultimi 12 mesi un aumento del 300%. Tempo fa il Ministro Cingolani lanciò l’allarme di un aumento abnorme dei prezzi in arrivo, aumento che puntualmente si è verificato scaricandosi sui budget di spesa di famiglie ed imprese”. Così dichiarano in una nota gli esponenti di Italia Viva Ravenna, Roberto Fagnani e Silvia Sirri.

“In Croazia ci sono venti piattaforme petrolifere che estraggono gas dagli stessi giacimenti per i quali l’Italia ha sospeso qualsiasi investimento, e con le quali la Croazia soddisfa circa l’80% del fabbisogno nazionale. In Croazia – proseguono da Italia Viva – il gas costa meno della metà che in Italia, mentre sul lato ambientale l’importazione del gas in Italia da paesi lontani è causa di elevata ed inutile produzione di CO2 legata al trasporto in metanodotti. Ora è chiaro che l’abbandono dei combustibili fossili va perseguito con i mezzi necessari, ma crediamo anche con buon senso. L’accelerazione impressa dal governo Italiano con politiche basate a bloccare gli investimenti negli idrocarburi ed autorizzare solo le fonti rinnovabili è meritoria negli obiettivi ma non è praticabile nei tempi ristretti che sono indicati e alla luce delle tecnologie disponibili al momento.”

“Se non garantiamo la produzione di energia da tutte le fonti disponibili durante la transizione energetica, non possiamo affrontare l’aumento dei costi di gas ed elettricità in maniera efficace. La produzione di gas in Italia è crollata a 2,9 miliardi di metri cubi l’anno, mentre la Commissione Europea che si è dichiarata orientata ad inserire il gas all’interno della tassonomia delle fonti energetiche rinnovabili e pertanto da proteggere. È possibile riportare rapidamente e fin da subito la produzione a 5 miliardi di metri cubi, con investimenti mirati di ENI nel settore upstream, e noi auspichiamo immediate conferme in questo senso da parte del mondo politico e dell’operatore nazionale. Insomma il cosiddetto turbo-capitalismo che inquina non si combatte con la turbo-transizione energetica ideologica, ma col buon senso ed una programmazione realista ed efficace” concludono Fagnani e Sirri.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano

    Concordo pienamente con quanto riportato pur non essendo della vostra ispirazione politica. Prima dell’ideologia c’e’ il comportarsi da “buon padre di famiglia”. E il buon padre di famiglia non sfrutta i vicini perche’ non vuole prendere i beni dal proprio orto. Primo perche’ buttare via risorse che abbiamo e che legate a se’ portano tecnologie e conoscenze, e’ da stupidi. Secondo perche’ fare in casa d’altri (perforare, produrre, trasportare idrocarburi) quello che non vogliamo fare in casa nostra e’ neo-colonialismo, bieco sfruttamento di paesi con minor garanzie nel lavoro e nell’ambiente. Terzo, perche’ l’impatto ambientale del trasporto del gas e’ maggiore del produrlo in casa a km zero. Piuttosto che bloccare le estrazioni in casa nostra lavoriamo per cambiare i processi che richiedono gas : incentivi per fornelli a induzione, caldaie nuova generazione, calore e elettricita’ da solare. Solo cambiando la richiesta sparira’ l’offerta degli idrocarburi.

  2. Scritto da batti

    stefano, se funziona come col petrolio, lo stato italiano si tiene una cifra irrisoria la piu bassa del mondo il ricavato va tutto ai privati, il citgtadino lo paga al prezzo del mercato da qualsiasi parte arrivi, questi che fanno politica sino furbacchioni. poi guarda a che carro sono attaccati