Quantcast

Sicurezza pubblica a Cervia. Interrogazione della Lega sui recenti reati predatori

Più informazioni su

Il Gruppo Lega in consiglio comunale a Cervia chiede chiarimenti sulle ultime vicende accadute in città in materia di sicurezza pubblica, presentando un interrogazione scritta.

“Da più settimane riceviamo segnalazioni circa alcuni tentativi di furti nonché di reati predatori consumati in diverse aree della città: spaziando dal forese fino ad arrivare nelle zone limitrofe alla pineta compresa fra le frazioni di Pinarella e Tagliata – dichiarano i leghisti -. In particolare, sembrerebbe che i soggetti autori di una rissa di qualche sera fa in centro a Cervia fossero ospiti di una nota struttura ricettiva ubicata proprio a Tagliata, adibita alla dimora di stranieri, come da accordi con l’Ufficio Territoriale Governativo della Provincia di Ravenna”.

“Proprio nelle abitazioni a ridosso dell’hotel, sarebbero avvenuti negli ultimi mesi, furti e tentativi di furti ad opera di soggetti rimasti allo stato attuale ignoti – proseguono -. Ci risulta che qualche residente abbia altresì inviato, al Sindaco Massimo Medri, comunicazioni scritte senza però ad oggi ricevere nessun tipo di risposta circa la problematica relativa all’intensificarsi di delitti contro il patrimonio in determinate zone della città”.

I leghisti dichiarano di aver ricevuto segnalazione di “bivacchi diurni ma soprattutto notturni in un edificio situato alla fine di via Bova, angolo sud con la strada statale 16, che potrebbe essere occupato in modo abusivo da persone dedite ai reati predatori sopra citati”.

Nell’interrogazione il Gruppo Lega Cervia chiede se la Giunta sia a conoscenza di queste situazioni, soprattutto in alcune aree della città e se i soggetti extracomunitari autori della rissa di qualche sera fa, siano ospiti della struttura di accoglienza di Tagliata di Cervia.

“Numerose sono state anche le risse tra gli ospitati nei pressi dell’albergo sopra citato, che hanno creato panico e preoccupazioni tra i residenti, pertanto a quale genere di controllo sono sottoposti codesti soggetti?” domandano i leghisti, chiedendo anche se sia reale la problematica circa l’occupazione dello stabile di via Bova.

Più informazioni su