Quantcast

Ancisi (LpRa) insiste sulle biciclette rosse in bike sharing: appalto rescisso in ritardo, in fumo andati quasi 500 mila euro

Più informazioni su

Sulle 285 biciclette rosse in bike sharing ora Alvaro Ancisi (LpRa) rilancia e interroga il sindaco di Ravenna. Si tratta come sappiamo di 240 biciclette a pedalata muscolare e di 45 elettriche a pedalata assistita, per il noleggio di cittadini e turisti, che il Comune di Ravenna ha affidato con gara pubblica, a partire dal 22 giugno 2020 e per due anni iniziali, alla società 3 BIXI di Trento per un costo di 202.262,20 euro.

Il costo è stato invece di “212.300 euro per l’allestimento delle cinque stazioni multimodali, appaltato all’impresa che gestisce le manutenzioni delle strade comunali. Il 10 giugno 2021, il Comune di Ravenna ha inoltre impegnato 73,216,19 euro ricevuti dalla Regione per l’attuazione del progetto Bike to work, allo scopo di rimborsare la società 3BIXI per gli abbonamenti annuali all’uso del Bike sharing concessi gratuitamente a tutti i maggiorenni residenti o domiciliati nel comune di Ravenna che lo richiedessero. Fondo evaporato perché alla scadenza del progetto il 31 agosto 2021 non è stato possibile averne alcun rendiconto, e comunque per ragioni di mancato servizio.” scrive oggi Alvaro Ancisi nella sua nota di “aggiornamento” sulla vicenda. Sommando tutti questi costi si arriva dunque a poco meno di 500mila euro.

“Essendo stata segnalata a Lista per Ravenna la quasi nulla presenza delle biciclette nelle postazioni dovute, con pochissime abbandonate qua e là, il 4 gennaio avevo chiesto al dirigente del servizio Mobilità del Comune di Ravenna informazioni e spiegazioni sullo stato attuale del Bike sharing e copia degli atti compiuti riguardo all’evidente clamoroso disservizio. – continua Ancisi – Ad una immediata proposta di rinvio della risposta di merito, ho chiesto almeno un’esposizione sommaria dei fatti, che mi è stata fornita molto genericamente il 5 gennaio stesso con questa conclusione: “[…]Inizialmente, e per un periodo di circa un anno, la gestione del servizio ha rispettato le condizioni pattuite; invece da alcuni mesi si sono riscontrate le carenze […], pertanto è stato richiesto in più occasioni all’appaltatore il ripristino delle condizioni minime da garantire per la funzionalità del servizio. […]Sono tuttora in corso le attività sull’effettiva funzionalità e stato del servizio, per le quali sono già state formalmente contestate le carenze gestionali rilevate, rispetto agli accordi contrattuali ed alle previsioni della normativa sui contratti pubblici. I contenuti delle contestazioni e delle relative giustificazioni, sono oggetto di tali attività e del procedimento in corso per l’eventuale definizione dei successivi e conseguenti atti”. Risulta, al contrario, datata lo stesso 5 gennaio, anche se pubblicata sul sito del Comune il 10 gennaio e notificatami appresso, la determinazione mediante cui il dirigente stesso ha risolto il contratto di appalto stipulato con la 3BIXI “per grave inadempimento”, con recupero dalla ditta dei danni subiti, incameramento delle polizze fideiussorie, richiesta alla ditta stessa di effettuare il completo ripristino dei luoghi e di restituire le 45 biciclette a pedalata assistita, ecc. ecc. – precisa l’esponente di Lista per Ravenna – Dalla copiosa documentazione degli atti intervenuti tra il Comune e la 3BIXI, secretata sul sito internet, ma accessibile correttamente in altro modo ad un consigliere comunale, ho ricavato il convincimento che la risoluzione del contratto, con tutta una serie di penalità e di spese a carico, non sarà pacificamente accettata dalla 3BIXI; che la storia non si concluderà a breve termine; che il servizio, stante le sue pessime condizioni, non potrà essere riattivato facilmente tramite, eventualmente, la ditta IDRI BK di Parma, seconda ed ultima classificata nella graduatoria della gara d’appalto.”

Secondo Ancisi “dalla lettura degli atti, al di là delle inadempienze formali contestate a 3BIXI, si ricava un fitto palleggio di responsabilità tra le due parti, sui fatti come sugli aspetti tecnici del servizio”. Non solo “da alcuni mesi si sono riscontrate le carenze”, continua Ancisi “giacché il direttore esecutivo del contratto, funzionario del servizio Mobilità del Comune, già in data 30 luglio 2021 aveva inviato alla 3BIXI una “Comunicazione urgente in merito alla prosecuzione del contratto”, prescrivendole, con un primo ordine di servizio, “di adempiere ad alcune attività previste nel contratto”. Il 12 agosto, in mancanza di risposta, era seguito un secondo ordine di servizio, con valore di diffida, che prescriveva “la riattivazione del servizio […], la riattivazione della pagina web […], la riattivazione dell’APP per la gestione degli abbonamenti e delle tariffe”, ecc. ecc. Chiaro che il servizio non esisteva più, come il 12 ottobre ha scritto il direttore stesso al Responsabile Unico del Procedimento (RUP), nel frattempo diventato anche il dirigente del servizio Mobilità: “Ritengo che il servizio sia stato svolto regolarmente fino alla data del 28 giugno […], dalla data del 30 giugno non è stata più rilevata attività alcuna in capo all’impresa né nella gestione del sito, né nella gestione della flotta e delle stazioni, pertanto […] assumo la data del 30 giugno 2021 come momento di sospensione del servizio”.”

“Eppure, il noleggio delle 285 biciclette rosse era stato sospeso già a fine giugno, 150 biciclette a pedalata muscolare sono addirittura “state prelevate e trasferite in altro luogo” da 3BIXI e le 45 a pedalata assistita del Comune di Ravenna non sono state “disponibili”. Inoltre, l’8 luglio 2021 3BIXI ha presentato una prima denuncia/querela al Comando Lombardia di Seveso sulla (a Ravenna) “compromissione del servizio di Bike sharing e del progetto Bike to work, tali da precluderne la prosecuzione” ed una seconda intorno al 10 agosto sempre dello stesso genere. Il direttore esecutivo del contratto aveva proposto al RUP (ora anche dirigente del servizio Mobilità) “la rescissione del contratto” con 3BIXI già con la lettera del 12 ottobre 2021. Il 26 novembre il RUP aveva a sua volta invitato la Stazione appaltante (in pratica se stesso) “alla adozione degli atti per addivenire […] alla risoluzione in danno del contratto di appalto”. Ma solo il 5 gennaio 2021, un giorno e mezzo dopo che gli avevo chiesto, nella sua qualità di dirigente del servizio, di riferirmi sull’andamento e sullo stato dell’attività, ha sottoscritto la determinazione dirigenziale con cui il contratto di appalto del Bike sharing con 3BIXI è stato risolto in danno.” Qui termina la ricostruzione di Alvaro Ancisi che a questo punto nella sua interrogazione chiede al sindaco “se non crede che sia passato troppo tempo prima di arrivare al dunque, riprendere in mano il servizio e cercare di rimetterlo in sesto, oggi impresa forse ciclopica. E comunque, dopo che dal 2003 ad oggi si è speso almeno un milione di euro per dare a Ravenna un servizio comunale di Bike sharing, ogni volta fallito, ci dica se si può sperare in una sua ripartenza almeno dignitosa a partire dalla prossima stagione estiva.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batti

    ancisi le rispondo io, le biciclette saranno state rubate, come succede in italia. l investimento è come le piste ciclabili che lei chiede don insistenza, lo scrivo a voce alta così incamera. LE BICI LE RUBANO , LE PISTE CICLABILI SI COSTRUISCONO MA I CICLISTI NON LE U.S.A.N.O, soldi sprecati U.G.U.A.L.E

  2. Scritto da Alvaro Ancisi

    Non basta che tu batti (congiuntivo volutamente errato) allo sfinimento una povera tastiera per sentenziare su tutto senza capire di niente, oltretutto con una vista occlusa da paraocchi di sinistra.

  3. Scritto da batti

    bravo professor ancisi ammetto che lei scrive correttamante,comunque continua a sollevare problemi( in molti casi irrisolvibili)questo si questi di sinistra che la ascoltano e fanno cavolate molte volte su sue proposte,forse non si ricorda ma anche lei è stato democristiano e alleato di berlusconi. non certo meglio di me di sinistra, non si offenda ma molte volte anche lei leoneggia con la tastiera

  4. Scritto da AM

    Scusa batti.
    Da cittadino, destra o sinistra non contano, secondo te, dovrei forse essere indifferente al fatto che l’Amministrazione Comunale ha speso 500 mila euro per la sparizione delle bici? Io ringrazio Ancisi che me l’ha fatto sapere.

  5. Scritto da batti

    la mia vista sarà occlusa”concesso ma non credo”ma sicuramente non annebbiata da odio partitico come il suo,mi creda la politica è altra cosa.inoltre si sono di sinistra e certamente mi odia, la aiuto, essere di sinistra per quanto non creda non è meno di essere ex democristiano alleato di berluscini, ed inoltre ex dc come renzi