Quantcast

Per la Buona Politica, Lega e M5S documento comune sul punto nascite di Lugo: “vuote promesse quelle della maggioranza”

Più informazioni su

“Vuote promesse quelle fatte dalla maggioranza. Sul tema del punto nascita dell’Ospedale di Lugo hanno detto tutto e il contrario di tutto. Prima la chiusura era obbligata e giustificata dalle poche nascite che non consentivano le future mamme di partorire in sicurezza, poi abbiamo visto correggere il tiro a novembre 2016, quando il Consiglio dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna votò uno specifico ordine del giorno sulle linee di indirizzo per la riorganizzazione della rete ospedaliera AUSL Romagna. Al punto 8 del documento si prevedeva l’impegno a ripristinare la totale operatività dei presidi ospedalieri di Faenza e Lugo.” Così i gruppi consiliari Per la Buona Politica, Movimento 5 Stelle, Lega Salvini Premier e Gruppo Misto in un documento comune.

“Durante il Consiglio Comunale del 28.10.2020, a seguito della pressione dei gruppi di opposizione di Lugo e del malcontento popolare, fu votato un Ordine del Giorno intitolato: “Il sistema socio sanitario a Lugo all’epoca del Covid. Contenimento della pandemia, rilancio dell’ospedale, ridefinizione della medicina territoriale e del sistema sociale”. Il documento fu proposto dalla Giunta e approvato a maggioranza. Il documento recita: “Con questo documento intendiamo sottolineare la necessità di riprendere, quanto prima, le attività chirurgiche, diagnostiche e di gestione delle patologie, a cominciare da quelle polmonari con la ricostituzione della equipe pneumologia presente nel nostro ospedale e trasferita, poi, a Ravenna. Ultimo ma non per importanza, il punto nascita: il Presidente Bonaccini ha più volte espresso la volontà di riaprire i punti nascita nelle piccole comunità, in particolare montane, superando e accantonando i recenti provvedimenti di chiusura. Riteniamo che questa decisione colga in pieno quella domanda di prossimità richiesta dai cittadini.” e ancora: “Ci preme, proprio per questo, evidenziare l’esigenza di ripristinare quanto prima il punto nascita del nostro ospedale in quanto riteniamo che la storia, la tradizione della ginecologia e ostetricia di Lugo non possa essere violentata da scelte organizzative che da troppi mesi non portano le mamme di questo territorio a partorire a Lugo.” Queste le parole scritte dalla Giunta, approvate poi dalla maggioranza del Consiglio Comunale, con voto favorevole di alcuni gruppi di opposizione. Gli ultimi fatti di cronaca confermano che le promesse di questa maggioranza continuano ad essere tali. È ora che alle parole seguano i fatti, le prese in giro su questioni così importanti non sono più tollerabili e i 103.000 abitanti della Bassa Romagna meritano un servizio di ostetricia completo ed efficiente, com’era prima che queste amministrazioni politiche ne riducessero la capacità” concludono i gruppi consiliari Per la Buona Politica, Movimento 5 Stelle, Lega Salvini Premier e Gruppo Misto in un documento comune.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.