Quantcast

Croatti e il M5S di Ravenna fedeli a Conte: “la scelta di Di Maio dettata da ambizioni personali”

Più informazioni su

“Da tempo Di Maio e i parlamentari a lui vicini parlavano un linguaggio dissonante da quello del M5S e da quel 94,2% di nostri iscritti che, solo poche settimane fa, hanno rinnovato la loro fiducia a Giuseppe Conte. L’ambizione, e la conseguente ricerca di accreditarsi verso Draghi e l’establishment che rappresenta, hanno guidato la scelta di ieri; un brutto film già visto troppe volte quello di Di Maio, che ha sempre chiesto con forza il vincolo di mandato e le dimissioni di senatori e deputati fuoriusciti dai gruppi parlamentari, salvo poi fare l’opposto; predicare bene e razzolare poltrone”. Così in una nota il senatore del MoVimento 5 Stelle Marco Croatti e il M5S di Ravenna.

“Se da una parte c’è dispiacere per l’ennesimo tradimento politico dei nostri valori e degli elettori, dall’altra si chiarisce finalmente una situazione di ambiguità che non consentiva al M5S di comunicare in modo chiaro la propria azione politica e i propri valori, da sempre lontani da logiche clientelari e di lobby. – conclude la nota – Porteremo avanti con maggiore efficacia la nostra visione del futuro, la riorganizzazione politica del MoVimento 5 Stelle voluta da Giuseppe Conte e faremo sentire con più forza la voce delle tante persone che in questi mesi ci hanno manifestato malcontento per molte scelte compiute dal governo Draghi.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da garbino

    Una cosa è certa: l’uno vale uno, il limite dei due mandati sono autentiche scemenze che sono servite per prendere voti (idee più populiste e meno attuabili di queste non ce ne sono) che all’atto pratico si sono dimostrate un boomerang. Il M5S, oggettivamente già in caduta libera nei consensi, con questa scissione alle prossime elezioni sarà ridotto ai minimi termini. Dovevano aprire i palazzi della politica come scatolette e invece come tonni, nella scatoletta ci sono finiti loro

  2. Scritto da batti

    concordo con te GARBINO sulla seconda parte, ma sui due mandati no
    capisco che una retribuzione di queste dimensioni ha persone di cosi basso profilo
    (dico in generale e di tutti i partiti) questi personaggi fanno un patto col diavolo e anche peggio pur di restare ha fare politica a vita
    cosa pensi che farebbero la maggior parte dei onorevoli se la politica non li avesse portati fin li?

  3. Scritto da mirko

    Non ricordo un partito peggio di questo, nemmeno la Lega Nord del Senatur”Roma ladrona”, un capitolo buio e triste. Il Movimento non ha perso per strada decine di milioni di Euro, ha preso per i fondelli decine di milioni di italiani. Secondo voi chi è meglio???