Eugenio Fusignani (Pri): “difendiamo Mattarella e la Repubblica parlamentare, no a chi vuol fare del presidenzialismo un tema improvvisato di campagna elettorale”

Più informazioni su

“Come repubblicani non solo siamo molto grati al Presidente Mattarella per il ruolo svolto nei suoi anni di Presidenza della Repubblica ma gli riconosciamo il merito di aver sempre dimostrato quanto sia stata calzante la Costituzione scritta che individua nel Parlamento il luogo sovrano della rappresentanza nazionale, ovvero dell’intera comunità degli italiani. Per questo va scongiurata l’elezione diretta del Presidente della Repubblica poiché egli non sarebbe più il garante dell’Unità nazionale e si consumerebbe così quella lacerazione nel popolo italiano che la Costituzione ha voluto saggiamente evitare.” Così in una nota Eugenio Fusignani segretario provinciale del Pri, che risponde sia alla proposta del presidenzialismo avanzata dal centrodestra sia alle parole di Silvio Berlusconi, secondo cui se si facesse la riforma presidenzialista un minuto dopo il Presidente Mattarella dovrebbe dimettersi.

“Che sia la parte moderata di ispirazione liberale ad attaccare l’Istituto della Presidenza della Repubblica la dice lunga sulla necessità di rafforzare un’area laica democratica liberale, riformatrice, europeista e atlantista, che sia garanzia di equilibrio contro derive pericolose che rischiano di trascinare l’Italia fuori dall’Europa. Motivo per il quale il Pri ha siglato un’alleanza elettorale con Italia Viva, alla quale si è aggiunta Azione, proprio per contrastare e contenere le spinte orbaniste e putiniane presenti a destra e che le diffidenze atlantiche di certa sinistra rischiano di aumentare. Come repubblicani difendiamo la Repubblica parlamentare e deploriamo chi voglia fare del presidenzialismo un tema improvvisato da campagna elettorale” conclude Eugenio Fusignani.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio

    Il Pri “difendiamo Mattarella e la Repubblica parlamentare” pazzesco! Difendi il tuo Castiglione da quel gruppo di vitelloni che hanno reso il paese il simbolo del degrado e dell’immoralità e non riescono a capire che cos’è la famiglia e le sua esigenze.
    Non solo! Si comportano anche da veri zitelloni a 70-80 anni … bell’immagine per chi è giovane e per chi ha famiglia e figli!

    “difendiamo Mattarella e la Repubblica parlamentare” pensate un po’!

  2. Scritto da Cromwell

    Il geometra dovrebbe sapere che la prima proposta di repubblica presidenziale è di un repubblicano al di sopra di ogni sospetto, sessanta anni fa. Si chiamava Randolfo Pacciardi. Altro spessore.

  3. Scritto da NB

    L’attuale presidente della repubblica penso sia uno dei meno stimati in tutta la storia italiana, non dai politici, a quelli, perlomeno ad una buona parte di loro, va benissimo.
    Chiedete invece alle persone normali, nei bar e nelle piazze, io ne trovo tantissimi concordi sul fatto che non è certo uno dei migliori PdR che abbiamo avuto, anzi spesso la sua figura è venuta meno nei momenti in cui ci si sarebbe aspettato un suo intervento deciso in favore del popolo e della Costituzione.
    E non comprendo perchè un PdR eletto direttamente dal popolo sarebbe meno garantista della Costituzione e dell’unità nazionale …. quello che abbiamo oggi non mi pare sia il top, anzi…
    “Un’area laica democratica liberale, riformatrice, europeista e atlantista” è quella che ci ha messo in braghe di tela, per aiutare una nazione in guerra che tutto è fuorchè democratica, ma dobbiamo assecondare la nato e gli usa, e seguire la deficienza del parlamentino europeo per essere bravini …. ma siamo un nazione o un ammasso di deficienti?

  4. Scritto da artemio

    NB..non sono d accordo…il precedente PdR era pure peggio
    Il PRI tempo fa era con il centro dx a Roma e con la Sx a Ravenna, devono sopravvivere pure loro!

  5. Scritto da Piemme

    #NB, #Artemio, presidenti peggiori di Mattarella e Napolitano ce ne sono stati, uno che esternava quando andava all’estero….. (cosa che non sopportavo). Povero PRI c’è Lamalfa Ugo che si rivolta nella tomba. #NB aiutare gli Ucraini a cacciare dal proprio territorio chi li ha invasi è giusto. Forse se non fossero intervenuti gli alleati quando i tedeschi ci tenevano in pugno a quest’ora non avresti pututo dire che Mattarella è un presidente mediocre. Comunque Pacciardi quando propose la Repubblica Presidenziale era già stato espulso dal PRI

  6. Scritto da Paolo

    Cromwell ti correggo, il presidenzialismo era presente nel manifesto dello storico partito di azione di Calamandrei e Salvemini nell’immediato dopoguerra. E durante la Costituente Calamandrei fu praticamente l’unico a motivare la scelta della repubblica presidenziale al posto di quella parlamentare. Poi successivamente i repubblicani con in testa Pacciardi videro di buon occhio il presidenzialismo. Questo lo scrivo per gli smemorati che ingenuamente ritengono tale riforma una scelta dei partiti di destra degli ultimi 30 anni.

  7. Scritto da Eugenio

    Se come ci dice la destra, che agli Italiani non interessa lo jus scholae,il Ddl Zan, perché agli Italiani interessa arrivare a fine mese e quindi fare leggi adeguate,figuriamoci con lo stesso metro di raffronto cosa ne può fregare al popolo del presidenzialismo,pallino fisso della compagine destroide.