Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Anche per il primo sfalcio primaverile di erba medica serve buon senso

Più informazioni su

Vorremmo chiarire subito che questa nostra non è intesa a colpevolizzare alcuno. Semplicemente riteniamo doveroso e indispensabile portare a conoscenza un problema che col buonsenso del padre di famiglia avrebbe potuto e speriamo abbia in futuro un epilogo diverso. Ci riferiamo a quanto accaduto pochi giorni fa nella zona di rifugio della Standiana – da tempo immemorabile interdetta alla attività venatoria – a seguito del primo sfalcio primaverile di erba medica. Ci preme in primo luogo ringraziare, comunque, dell’attenzione prestata dagli operatori agricoli nello svolgere la loro attività. Anche se purtroppo, senza un intervento di “bonifica”, che in passato aveva dato risultati eccellenti, poco hanno potuto fare. Quello che noi riteniamo impropriamente una “bonifica”, altro non è che un intervento venatorio con il solo utilizzo dei cani, attuato nei giorni immediatamente precedenti allo sfalcio, atto a spostare il numero più alto possibile di selvaggina da quel territorio, impedendo una mattanza inutile, dannosa e lontana dai desideri di tutti. Sappiamo che alcune leggi non consentono quanto il buonsenso riterrebbe non solo necessario ma indispensabile. Ma riteniamo che l’intelligenza dell’uomo, l’attenzione delle istituzioni e la serietà delle scriventi possano sopperire là dove la legge mostra troppe lacune. Certi di interpretare il pensiero di tanti, forse di tutte le persone di buonsenso. Rimaniamo in attesa di un fermo ed inevitabile riscontro da parte degli enti preposti, per un prossimo futuro diverso.

ANLC Ravenna

ARCI Caccia Ravenna

Più informazioni su