Le Rubriche di RavennaNotizie - Porto di Ravenna

Porto di Ravenna. Grave crisi per la portualità ravennate. I Sindacati chiedono un tavolo Regionale

Più informazioni su

Dopo la prima fase di crisi derivante dal Covid 19, durante la quale il sistema della portualità ha funzionato a pieno regime per gestire il transito di tutte le merci necessarie alla sopravvivenza del paese, oggi (ormai da quasi 2 mesi) in presenza di un blocco quasi totale dei traffici mondiali, la crisi ha investito ed investirà in pieno tutto il sistema portuale anche ravennate almeno per i prossimi mesi (in termini di proiezioni siamo già a settembre 2020). Spiegano le segreterie territoriali provinciali di Fit/Cisl Filt/Cgil Uil trasporti.

Il confronto in sede di Organismo di Partenariato per la Risorsa Mare, svolto nella giornata di ieri, 25 giugno, con AdSP Ravenna, Confindustria e le altre associazioni, ha permesso di esaminare a fondo la qualità/quantità della crisi in atto e dei sui prevedibili sviluppi, valutare gli strumenti legislativi necessari da mettere in campo per farvi fronte e rilevarne la necessità di aprire ulteriori tavoli di confronto istituzionali con la Provincia e la Regione Emilia Romagna.

“Il perdurare di questa situazione necessita di un tavolo Regionale per verificare quali strumenti aggiuntivi mettere in campo per rispondere, in maniera corretta, alla gravissima crisi in corso, vista l’esiguità degli interventi “nazionali” – sottolineano i sindacati – . La tutela strategica, del lavoro nella portualità ravennate, passa anche da stringenti misure che permettano alle imprese e ai lavoratori di traguardare una sponda che, ad oggi, non si vede. È urgentissimo un tavolo di confronto, perché la qualità degli interventi e delle scelte potrà determinare il futuro per migliaia di lavoratori e di famiglie della nostra provincia.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maurizio marendon

    QUELLO CHE NOI STIAMO DICENDO DA MESI ORA E’ SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI ED E’ ANCORA LA PUNTA DI UN ICEBERG CHE SCOPPIERA’ IN TUTTA LA SUA GRANDEZZA A SETTEMBRE OTTOBRE QUANDO ANCHE GRANDI FABBRICHE SARANNO COSTRETTE A LICENZIARE PER UNA DECRESCITA DELL’ECONOMIA GLOBALE. ABBIAMO SEMPRE PARLATO DELLA NECESSITA’ DI AIUTI REGIONALI PERCHE’ QUELLI STATALI ERANO RIDICOLI. ORA SIAMO AL NODO NEL PETTINE ED AGIRE E’ UNA PRIORITA’ O IL PORTO DI RAVENNA NON ESISTERA’ PIU’
    LISTA PER RAVENNA
    MAURIZIO MARENDON