Le Rubriche di RavennaNotizie - Porto di Ravenna

Ravenna. Truffe in busta paga: aziende del porto e della provincia evadono contributi per 22 milioni di euro

Truffa ai danni dello Stato, 13 milioni di imponibile contributivo evaso, 9 milioni di contributi omessi, sono gli esiti degli accertamenti dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Ravenna – in congiunta con il personale di Vigilanza della sede INPS di Ravenna – che hanno interessato alcune imprese metalmeccaniche che operavano nel porto di Ravenna ed in alcuni stabilimenti industriali in Ravenna e provincia.

Nel corso delle verifiche – che hanno riguardato il periodo dal 2013 al 2019 – gli ispettori, hanno rilevato un eccesso di rimborsi economici riconosciuti ai dipendenti (sono state verificate 300 posizioni lavorative) per trasferte e indennità chilometriche, nonché di assenze per permessi non retribuiti indicati in busta paga, per i quali non veniva prevista alcuna forma di prelievo contributivo e fiscale.

Dalle indagini sono emerse incongruenze nell’applicazione delle trasferte, dei rimborsi chilometrici, dei permessi ed assenze non retribuiti per come venivano registrati nelle buste paghe e nella documentazione relativa alle trasferte e alle indennità chilometriche, in quanto dall’esame della documentazione è emerso che i lavoratori, talvolta, nella medesima giornata, figuravano contemporaneamente in trasferta in Italia o all’estero e in assenza non retribuita.

Dai rilievi effettuati, anche attraverso il monitoraggio degli spostamenti sul territorio dei lavoratori e il riscontro con la documentazione aziendale (biglietti di viaggio, scontrini e ricevute di pasti, di pernottamenti in hotel, contratti di affitto di appartamenti, documenti relativi ai cantieri di lavoro, rilevazione presenze dei dipendenti), è stato possibile constatare che in moltissimi casi, venivano annotate nelle buste paghe, rimborsi manipolati, viaggi di lavoro mai effettuati e trasferte simulate.

Le verifiche hanno accertato che nei fatti le indennità di trasferta e indennità chilometriche non erano altro che retribuzione di ore di lavoro ordinario e straordinario o maggior retribuzione per accordi individuali tra l’azienda e il lavoratore.

Gli ispettori hanno verificato che il calcolo degli stipendi mensili non veniva correttamente riportato sulla busta paga, in quanto quest’ultime venivano compilate artificiosamente (proprio per evadere la contribuzione INPS); il meccanismo fraudolento intercettato dagli ispettori, consisteva nell’indicare non le ore di lavoro nel concreto fatte (ed assoggettabili a contribuzione INPS), bensì un numero minore di ore, indicando altresì indennità di trasferta e indennità chilometriche fittizie (non assoggettate a contribuzione) fino a raggiungere la paga oraria concordata tra lavoratore ed azienda (cd. sistema della paga globale).

Una parte considerevole degli stipendi realmente corrisposti ai dipendenti, da assoggettare a tassazione ed ai prelievi previdenziali ed assistenziali, venivano camuffati da indennità di trasferta rimborsi chilometrici, per le quali non è invece prevista alcuna forma di ritenuta fiscale e previdenziale.

Gli ispettori hanno scoperto che, per non versare i contributi previdenziali, le aziende alteravano le buste paga, la documentazione giustificativa delle trasferte, i rimborsi chilometrici e i permessi non retribuiti. Nelle fasi delle indagini sono state acquisite richieste formali di permessi non retribuiti, fogli trasferte e indennità chilometriche, compilati all’insaputa dei lavoratori e generalmente non firmate dai dipendenti o firmati senza conoscerne il contenuto.

In alcuni casi i lavoratori non hanno riconosciuto la propria firma sui suddetti documenti, alcuni dipendenti non avevano l’auto né altro mezzo, mentre in busta paga gli veniva corrisposta l’indennità chilometrica per viaggi con la propria auto, in realtà mai effettuati.

Il sistema così delineato ha permesso alle imprese ispezionate di evadere nei cinque anni la contribuzione obbligatoria per un ammontare complessivo di 22 milioni di euro. Sono state elevate sanzioni per oltre 600 mila euro e i trasgressori sono stati deferiti alla Procura della repubblica per Truffa ai danni dello Stato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maria

    Per forza l’Europa non vuole darci i soldi per il covid, siamo un paese con un sistema erariale che favorisce gli evasori!!!

  2. Scritto da Antonio

    Che bella storia, dopo le false fatture delle società sportive , adesso si scopre che certi bravissimi industriali pur di non pagare i contributi ai dipendenti si inventano di tutto . Probabilmente la loro missione è fregare il prossimo, anche perché con le sanzioni che gli vengono date sono ridicole.

  3. Scritto da Mauro

    Complimenti ma quanto realmente entreranno nelle casse statali? Certe imprese non dovrebbero nemmeno essere iscritte

  4. Scritto da armando

    Oltre che multe ridicole, queste non le pagheranno MAI !!!!!

  5. Scritto da Dario

    Come minimo dovrebbero risarcire l’intera somma evasa!

  6. Scritto da jack

    Cara Maria, se fosse veramente come dici tu non avrebbero rilevato la truffa : le leggi ci sono, basterebbe rispettarle…. poi sicuramente scriveresti che rispettando le leggi non sarebbe possibile vivere ecc. viva la democrazia !

  7. Scritto da Remo

    Più impresa è meno stato? 30 anni fa questo slogan veniva mormorato continuamente per far credere alle genti che il privato avrebbe salvato questo paese. I RISULTATI SI VEDONO! Meno corruzione, bollette più leggere, strade e ponti più sicuri.

  8. Scritto da Andrea

    I nomi delle aziende coinvolte in questa truffa?