Ravenna. Pubblico presente al Pala De André per gli ottavi di finale della Coppa Italia di pallavolo maschile

Per la partita della Coppa Italia di domenica 13 settembre, gara inaugurale della stagione 2020/21, che vedrà la Consar Ravenna ospitare la Pallavolo Padova, il Pala De Andrè sarà aperto a una parte di pubblico (fino al 25% della capienza massima consentita degli impianti). Idem per la partita di mercoledì 23 settembre contro Piacenza.

Al Pala De André di Ravenna, quindi, per gli ottavi di finale della Coppa Italia di pallavolo maschile per le partite Consar-Padova e Consar-Piacenza pubblico presente 

Con un’ordinanza firmata dal presidente Stefano Bonaccini, la Regione Emilia-Romagna concede la deroga al numero massimo di spettatori previsti per impianti indoor, possibile per eventi di portata nazionale e internazionale in impianti che possano permettere una maggiore affluenza.

L’opportunità è prevista da una precedente ordinanza regionale, a condizione che venga presentato dagli organizzatori un apposito piano per la sicurezza che garantisca l’applicazione di determinate misure anti-Covid, dal distanziamento e l’uso obbligatorio della mascherina agli accessi controllati, dalla sanificazione ai controlli fuori dalla struttura.

La Regione, dopo una approfondita istruttoria curata dall’assessorato alle Politiche per la salute – Direzione generale Cura della Persona, Salute e Welfare – ha valutato che la società organizzatrice ( Porto Robur Costa) ha presentato un piano nel quale sono rispettate le indicazioni previste dalle normative, prestando attenzione ai protocolli e garantendone l’applicazione rigorosa in vista dei diversi appuntamenti.

Le prescrizioni
Potranno quindi essere presenti spettatori fino a massimo il 25% della capienza autorizzata a condizione che sia garantita dai gestori la vigilanza necessaria a evitare assembramenti durante l’ingresso e il deflusso del pubblico, durante la permanenza nel posto assegnato e in relazione all’utilizzo dei servizi igienici, nonché al rispetto del distanziamento interpersonale, considerando anche una distanza di almeno 5 metri tra il pubblico e il campo di gioco.
Gli spettatori dovranno munirsi di biglietto nei tempi e nei modi previsti, ma solo in fase di prevendita. I tagliandi acquistati saranno nominativi e l’acquirente dovrà indicare una informazione di contatto al fine di consentire un eventuale tracciamento in caso di positività e per risalire alla filiera dei contatti.
Gli organizzatori conserveranno per almeno 14 giorni copia degli elenchi nominativi di coloro che hanno acquistato i biglietti, rendendoli disponibili su richiesta alle strutture sanitarie in caso di necessità di svolgere attività di contact-tracing.

Nelle prossime ore la società ravennate provvederà a rendere note le condizioni di acquisto dei biglietti che, in base all’ordinanza, potranno essere venduti solo in prevendita e dovranno essere nominativi.