Prende il via la Rete Interculturale sui temi dell’immigrazione a Ravenna. Consegnato il pre-documento a sindaco e Assessora Morigi

Questa mattina nel giardino del centro sociale La Quercia, in piazza Medaglie d’oro 4, in occasione dell’inaugurazione della rinnovata Casa delle culture, è stato consegnato al sindaco Michele de Pascale e all’assessora all’Immigrazione Valentina Morigi da parte dei cittadini coinvolti il documento di proposta che darà vita alla Rete Interculturale sui Temi dell’Immigrazione (Riti), un contesto permanente teso ad avviare processi socio-culturali in grado di favorire la piena interazione tra cittadini italiani e di altra provenienza con particolare attenzione alle nuove generazioni.

“Quello che avete intrapreso è un bellissimo percorso – ha detto il sindaco de Pascale – che impegna la giunta nel trasformare gli esiti della partecipazione in strumenti concreti e nuove opportunità a favore di tutta la comunità. E’ importante che nella vita della città entrino nuovi protagonisti e Ravenna vanta un tessuto sociale capace di raccogliere la sfida dell’interazione e della condivisione avviata già da anni sui temi dell’immigrazione”.

“Ringrazio tutti coloro che si sono impegnati e hanno raggiunto l’obiettivo di predisporre il documento – ha affermato l’assessora Morigi – che permetterà di costituire la prima rete interculturale che si interfaccerà con il Comune e che, una volta formalizzata, sarà chiamata a contribuire alla vita civica. E’ una grande soddisfazione vedere che Ravenna è sempre capace di cogliere gli spazi di apertura e partecipazione”.

Il percorso partecipativo era iniziato nel 2019 subendo poi una battuta d’arresto in seguito all’emergenza da covid-19. Il documento di sintesi della prima fase di ascolto della cittadinanza è un’importante eredità alla futura Riti e all’amministrazione comunale per nuove progettualità e approfondimenti.

In particolare sono state raccolte idee, azioni e tematiche che potrebbero diventare oggetto delle attività del nuovo organismo e il cui scopo è quello di favorire l’incontro, la conoscenza reciproca, lo scambio e il dialogo tra cittadini di diversa provenienza geografica, culturale, religiosa, politica, economica e sociale.

Il documento costituirà anche la base da cui partire in occasione della predisposizione delle iniziative da realizzare in vista della Settimana contro il razzismo.

“Ravenna partecipa per una comunità interculturale” è promossa dall’assessorato all’Immigrazione del Comune coordinato dalla cooperativa sociale il Villaggio Globale, con il sostegno della legge regionale 15/2018 dell’Emilia Romagna.