Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Quando la forza del prezzo diventa il prezzo di un licenziamento

Più informazioni su

Salve, innanzitutto mi scuso del disturbo, ma volevo rendere pubblica una situazione creatasi oggi nel punto vendita di Mondo Convenienza a Ravenna, che meriterebbe la stessa enfasi elargita 2 settimane or sono per la tanto acclamata apertura del nuovo punto vendita. “LA NOSTRA FORZA È IL PREZZO”… e ci credo, a Ravenna, dopo più di 3 mesi di corso di formazione full time, licenziano delle persone con un sms 2 settimane dopo l’apertura… sms mandato inoltre il giorno della scadenza del contratto dall’agenzia interinale che si occupava delle assunzioni, senza la minima anticipazione verbale della triste notizia per i malcapitati (soprattutto in questo difficile periodo economico dovuto al Covid-19) da parte diretta dell’azienda, che sarebbe servita ai poveri oramai ex-lavoratori (tra i quali mia moglie), per cercare di trovare in tempo una alternativa valida!

Lasciando così a casa persone con famiglia, che si son fatte in quattro per partecipare al corso di formazione durato più di 3 mesi, tutti i giorni per 8 ore al giorno, con annesse trasferte… in un periodo economico dove è difficilissimo trovare un’occupazione decente, e che su codesto corso e sulla nuova apertura del punto vendita, avevano fatto finalmente dei seri progetti per il futuro! Ora si è capito come mai il loro motto è: LA NOSTRA FORZA È IL PREZZO… il prezzo che risparmiano sui poveri malcapitati, e il prezzo che ora, sempre e solo loro pagheranno, per essersi ritrovati dopo mesi di un lungo corso di formazione, senza uno straccio di contratto, a poche settimane dal Natale! Il Premier Conte lo aveva anticipato che sarebbe stato un Natale diverso, e per questi poveri ex-lavoratori di Ravenna e le loro famiglie ora lo sarà ancor di più! LA NOSTRA FORZA È IL PREZZO… e Ravenna ha già iniziato a pagarlo caro… il PREZZO!

Saluti

A. D.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco74

    Ciao Ago!! Hai tutto il mio appoggio. E’ un pò quello che è successo a mia moglie , altra società 4 gg di lavoro ed appena c’era puzza di lockdown , tutti licenziati!!!
    Ciao.
    Mazz

  2. Scritto da Petar

    Purtroppo siamo tornati indietro; le lotte sindacali a favore dei lavoratori, sono diventate solo un lontano ricordo. Stipendi, quando ci sono, da fame; lavori al limite della schiavitù; mancanza totale di rispetto verso il lavoratore; articolo 18…. Oggi le organizzazioni sindacali sono assolutamente assenti!!!

  3. Scritto da Alex

    Hanno permesso questo tipo di contratti e regole , loro , come tutte le aziende ne approfittano . Una porcheria…

  4. Scritto da Giovanni lo scettico

    E’ tutta colpa del PD e del Jobs Act di Renzi. Ormai il PD è diventato il partito dei padroni, e dei lavoratori non gliene frega più niente a nessuno.