Quantcast

Ravenna. Adottati Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (Peba) e Piano della circolazione urbana (Pcu)

Nella seduta di ieri, 1 dicembre, (per chi volesse rivederla http://bit.ly/29AVl60 ) il consiglio comunale di Ravenna ha approvato la proposta di delibera “Adozione Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (Peba) e il Piano della circolazione urbana (Pcu).
Hanno votato a favore 19 consiglieri (gruppi di maggioranza);  11 astenuti (gruppo Alberghini, CambieRà, Forza Italia, La Pigna, Lega nord, Lista per Ravenna,  gruppo Misto, Ravenna in Comune).

Roberto Fagnani, assessore alla Mobilità, ha illustrato i contenuti dei piani e gli obiettivi. L’assessore ha fatto presente che si tratta di strumenti tra i più attesi che è stato possibile portare a compimento grazie al sostengo di più enti, associazioni dei disabili, portatori di interessi.
Sono state individuate le proposte progettuali più efficaci all’eliminazione delle barriere architettoniche corredate dalla stima dei costi. L’incarico per la redazione è stato affidato il 15 gennaio 2020; successivamente, a causa della pandemia, la progettazione ha subito una battuta d’arresto e i lavori, ripresi a maggio, si sono conclusi a giugno. Sono stati fatti numerosi incontri al fine di conseguire la più ampia diffusione e condivisione.

Il percorso non si è ovviamente concluso: si tratta del primo passo, propedeutico alla fase delle osservazioni che si aprirà dopo l’adozione, con la possibilità di ulteriori modifiche, integrazioni, aggiornamenti,trattandosi di uno strumento flessibile, prima della definitiva approvazione. Sono stati previsti monitoraggi a cadenza biennale.

Per quanto riguarda le tempistiche di realizzazione degli interventi individuati, l’assessore Fagnani ha ipotizzato un periodo di dieci anni. Infine ha ringraziato i consiglieri e i rispettivi esperti che hanno partecipato alle commissioni e tutti coloro che hanno contribuito alla predisposizione di uno strumento indispensabile per rendere la città più funzionale e accessibile a tutti.

Alla delibera erano collegati 6 emendamenti e due ordini del giorno: il primo dal titolo “Elaborare un manuale tecnico per prevenire la realizzazione di nuove barriere architettoniche” (documento allegato  Odg La Pigna) presentato dalla consigliera Veronica Verlicchi, capogruppo La Pigna; il secondo sul tema “Abbattimento delle barriere urbanistiche che si oppongono a chi ha difficoltà fisiche, percettive e sensoriali. Verifica da compiersi” (documento allegato Odg Lista per Ravenna),  presentato in corso di seduta da Alvaro Ancisi, capogruppo Lista per Ravenna nonché un emendamento presentato, sempre in corso di seduta, dal consigliere Gianfilippo Nicola Rolando del gruppo Lega nord ( documento allegato Emendamento Rolando ).

I primi sei emendamenti e gli ordini del giorno sono stati respinti; è stato invece approvato all’unanimità dei 30 consiglieri presenti l’emendamento del consigliere Rolando che ha chiesto di aggiungere nel dispositivo della delibera dopo “di adottare il Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA)”  la frase “su tutto il territorio comunale”.

Sono intervenuti: Marco Turchetti (Pd), Daniele Perini (Ama Ravenna), Emanuele Panizza (gruppo Misto), Veronica Verlicchi (La Pigna), Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Patrizia Strocchi (Pd), Alberto Ancarani (Forza Italia), Gianfilippo Nicola Rolando (Lega nord).
Il gruppo Pd ha espresso soddisfazione apprezzando il notevole impegno nel lavoro svolto e rilevando l’importanza dell’adozione dei piani verso il pieno riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità che si inquadra nel generale percorso storico in tema di diritti.
Il gruppo Ama Ravenna si è detto orgoglioso di fare parte, insieme al sindaco e alla giunta, di un consiglio comunale attento ad operare affinchè la città sia alla portata di tutti, auspicando altresì l’abbattimento di barriere culturali e spirituali.
Il gruppo Misto si è detto deluso da un piano che è in notevole ritardo e che evidenzia – a suo avviso – la distanza dell’amministrazione dalle problematiche delle persone con disabilità; ha dichiarato il voto di astensione solo in considerazione dell’avvio dell’iter.
Il gruppo La Pigna ha affermato che il documento va decisamente migliorato, muovendo rilievi al mancato coinvolgimento attivo delle associazioni dei disabili; ha sollevato il tema della dotazione degli autobus e rivendicato il ruolo di impulso dato all’avvio della predisposizione del Peba.
Il gruppo Lista per Ravenna ha espresso soddisfazione per avere finalmente il Peba con l’assolvimento a un obbligo di legge; tuttavia il documento, pure ben fatto, presenta lacune come quella di occuparsi solo delle scuole; ha sollevato questioni di metodo perché sottoposto al consiglio “a scatola chiusa”.
Il gruppo Forza Italia nel preannunciare il voto favorevole si è soffermato sull’emendamento presentato dal consigliere Rolando della Lega nord in quanto – a suo avviso – è sottinteso che il piano debba occuparsi di tutto il territorio comunale e non solo della città.
Il gruppo Lega nord ha sottolineato l’intento rafforzativo dell’emendamento al fine di non creare ambiguità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuele

    Finalmente si aprono le porte alla civiltà urbana.

  2. Scritto da cromwell

    Nulla da obiettare alla eliminazione delle barriere architettoniche, ma lasciare i 2/3 delle carreggiate stradali alla sosta parassitaria è civiltà urbana o ignavia amministrativa?