Qualità dell’aria a Ravenna: sulla base delle previsioni di Arpae domani e mercoledì in vigore limitazioni ulteriori

Sulla base delle previsioni di Arpae, contenute nel bollettino Liberiamolaria – pubblicato il lunedì, il mercoledì e il venerdì all’indirizzo http://bit.ly/bollettinoaria – domani, martedì 19 gennaio, e mercoledì 20 a Ravenna saranno in vigore le limitazioni ulteriori previste dal Piano aria integrato regionale (mercoledì 20 sarà emesso il nuovo bollettino, che darà indicazioni per i giorni successivi).

Le ulteriori limitazioni sono:
· dalle 8.30 alle 18.30 lo stop alla circolazione di tutti i veicoli diesel euro 4 (si aggiunge allo stop alla circolazione di tutti i veicoli diesel inferiori all’euro 4, di quelli a benzina fino all’euro 2 compreso, di quelli a metano-benzina e Gpl-benzina fino all’euro 1 compreso, dei ciclomotori e motocicli fino all’euro 1 compreso)
· divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli
· abbassamento del riscaldamento fino ad un massimo di 19°C (+ 2 di tolleranza) nelle case, negli uffici, nelle attività ricreative, di culto, commerciali e sportive e 17°C (+ 2 di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività produttive e artigianali (sono esclusi ospedali ed edifici assimilabili, scuole ed edifici assimilabili)
. divieto di combustione all’aperto (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d’artificio ecc.)
. divieto di uso (in presenza di impianto alternativo) di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa con classe di prestazione energetica ed emissiva inferiore a 4 stelle
. divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili
. potenziamento controlli sia sulla circolazione dei veicoli nei centri urbani che sugli impianti termici a biomassa che sulla combustione all’aperto e spandimento liquami

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni lo scettico

    Ho una brutta notizia per voi:

    https://www.cnr.it/it/comunicato-stampa/9702/l-inquinamento-in-italia-durante-il-lockdown

    qui potete vedere quali sono stati gli effetti del lockdown dell’anno scorso: in pratica sono diminuiti gli ossidi di azoto, ma NON le polveri sottili, cioè le PM10. L’ozono è addirittura aumentato.
    A quanto pare chi banalizzava dando la colpa dell’inquinamento al solo traffico veicolare, ha fatto una figura… un po’ scarsina.
    Ricordatevelo, quando sentite gli allarmisti che strillano.