Quantcast

Consar di slancio, non dà scampo alla Callipo

Più informazioni su

La Consar riparte di slancio dopo la sconfitta di Milano e contro la Callipo torna al successo salendo al terzo posto a quota 10 punti nella classifica del playoff per la Challenge in attesa dei risultati di domani.
E’ stata la vittoria del collettivo, con Redwitz ad orchestrare al meglio il gioco e la batteria degli attaccanti a chiudere in doppia cifra (12 punti a testa per Pinali, Recine e Zonca), traguardo che raggiunge anche Grozdanov, che corona la sua valida gara con 10 punti (con 2 muri) e un sontuoso 80%. La Callipo è stata in partita due set, e nel secondo non è riuscita a conservare il margine di 5 punti, cedendo poi nel terzo, nonostante la buona prestazione di Defalco che ha totalizzato venti punti e 61% in attacco, risultando il top scorer dell’incontro.
La partita di domenica pomeriggio a Piacenza diventa per Mengozzi e compagni un vero spareggio per l’accesso alle semifinali.

Nella Consar rientrano Mengozzi e Redwitz. In attacco torna la coppia Recine-Zonca. Due variazioni nello starting six della Callipo rispetto all’ultima partita: ci sono Corrado e Dirlic al posto di Almeida Cardoso e Drame Neto.

La cronaca della partita
Inizio di gara all’insegna dei cambi palla poi Recine e Zonca con un ace producono il primo strappo (5-3), che Vibo annulla con la parità a quota 6. Nuovo allungo dei padroni di casa col turno al servizio di Redwitz (10-7): un vantaggio che Saitta e compagni riescono a recuperare con il punto del 14 pari di Defalco. Il terzo allungo di Ravenna (19-16) è quello decisivo per la conquista del primo set, siglata dal punto finale di Recine, che tiene a freno la rimonta degli ospiti arrivati fino al 24-23.
Inizio di secondo set punto a punto, poi la Callipo si porta davanti di tre lunghezze (8-11), con Defalco (filotto di tre punti) si porta a +5 (8-13). La Consar cerca di riportarsi sotto ed è soprattutto Pinali a incaricarsi della rimonta: con un muro, un ace e un attacco porta la Consar a -1. Recine griffa la parità a quota 20 e Zonca, con il secondo ace del match, effettua il sorpasso (21-20). Recine insiste e con due punti di fila porta la Consar al 24-21. Poi è un errore in battuta di Defalco a dare il 2-0 a Ravenna.
E sulle ali dell’entusiasmo e della convinzione, la Consar vola sul 7-3 nel terzo set e poi Recine con il muro dell’11-4 oltre a determinare il massimo vantaggio nel match di Ravenna, timbra il suo centesimo punto in questi playoff per il 5° posto. Ravenna non toglie il piede dall’acceleratore, mantiene le sette lunghezze di vantaggio e la Callipo non trova armi per invertire la tendenza del set. C’è tempo per celebrare anche il debutto assoluto di Grottoli sul 24-17 e poi Ravenna porta a casa il 3-0 con un errore al servizio ospite.

Il commento di Bonitta “Anche quando perdiamo o quando non offriamo le nostre migliori prestazioni come è accaduto lunedì a Milano, ci proviamo sempre. Oggi ci tenevamo a vincere e uscire da questa partita con una bella vittoria era importante. Il secondo set è stato un po’ lo spartiacque: lo abbiamo giocato e vinto di squadra, facendo ricorso a molti giocatori e cambiando anche alcune situazioni che loro hanno sofferto. La squadra è ancora viva, lo ha dimostrato ma non avevo bisogno di questa gara per averne conferma”.

Il tabellino

Ravenna-Vibo Valentia 3-0 
(25-23, 25-22, 25-18)
CONSAR RAVENNA: Redwitz 3, Pinali 12, Grozdanov 10, Mengozzi 5, Recine 12, Zonca 12, Pirazzoli (lib.), Arasomwan, Batak, Koppers, Grottoli. Ne: Giuliani (lib.), Stefani, Orioli. All.: Bonitta
CALLIPO VIBO VALENTIA: Saitta 1, Dirlic 7, Chinenyeze 8, Gargiulo 1, Defalco 20, Corrado 6, Rizzo (lib.), Chakravorti, Drame Neto 1, Sardanelli, Cester, Almeida Cardoso. Ne: Fioretti (lib.). All.: Baldovin.
ARBITRI: Vagni di Perugia e Cerra di Bologna.
NOTE: Durata set: 32’, 28’, 24’ tot. 84’. Ravenna (5 bv, 12 bs, 7 muri, 8 errori, 52% attacco, 60% ricezione, 40% perf.), Vibo (0 bv, 12 bs, 6 muri, 8 errori, 48% attacco, 44% ricezione, 33% perf.). Mvp: Zonca.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe

    Peccato leggere notizie di possibili autoretrocessioni in A2 per questa squadra che in Superlega ha dimostrato di poterci stare con pieno merito.

  2. Scritto da Giò

    Molto, molto peccato… peggio ancora l’alternativa di trasloco addirittura in un’altra piazza romagnola… (sarà colpa del ritardo del nuovo palazzetto ?)